Salta al contenuto principale

Sì della Camera: si potrà

sparare di notte in casa

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 54 secondi

Sì dell’Aula della Camera alla nuova normativa sulla legittima difesa. Il testo, approvato dopo due anni di stop and go, passa al Senato.

Critica la Lega che in Aula ha manifestato la propria contrarietà con uno striscione con scritto: «La difesa è sempre legittima». E, all’ultimo a non votare il provvedimento, che passa grazie all’intesa Pd-Ap, è anche Forza Italia. I voti a favore sono stati 225, 166 i contrari (tutto il centrodestra, SI e Mdp), 11 gli astenuti.

Il ddl prevede l’ampliamento della fattispecie della legittima difesa alle aggressioni notturne , in analogia con l’ordinamento penale francese. E l’esclusione della colpa di chi reagisce «in situazioni comportanti un pericolo per la vita, per l’integrità fisica, per la liberta’ personale o sessuale».

Il leader della Lega Matteo Salvini ha urlato «Vergogna, vergogna!» dalla tribuna dell’Aula di Montecitorio dopo che l’Assemblea ha approvato il ddl sulla legittima difesa. Mentre la presidente Laura Boldrini gli diceva che «non si può gridare in tribuna», dai banchi del Pd gli è stato gridato «Fuori, Fuori!» e «Buffone». Nel frattempo, Salvini veniva accompagnato fuori dai commessi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy