Salta al contenuto principale

La cucina è un inferno
Il ritorno di Carlo Cracco

Va in Hell’s kitchen, dal 4 ottobre su Sky Uno HD. Pronto anche per i fornelli di Masterchef

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 26 secondi

La cucina è un inferno? «In cucina è così, non stiamo lì a pettinare le bambole bisogna vedere chi ha il carattere più forte per arrivare alla finale e giocarsi il titolo». Parola del più cattivo ai fornelli, Carlo Cracco, che riapre la cucina di Hell’s Kitchen Italia dal 4 ottobre alle 21.15 su Sky Uno HD.

Lo show di cucina è alla terza edizione e altre due future sono confermate. Ma a dicembre Cracco è anche pronto per tornare tra i fornelli di Masterchef.

Ad Hell’s Kitchen quest’anno sono annunciati come ospiti personaggi del mondo dello spettacolo, come Mara Maionchi e Frank Matano, e dall’alta ristorazione; per la prima volta farà visita a un talent di cucina Massimo Bottura, lo chef e proprietario dell’Osteria Francescana, al primo posto della classifica mondiale dei «50 Best restaurants».

I 16 concorrenti, già professionisti, si contendono il titolo di Executive chef del ristorante stellato JW Marriott Venice Resort Spa a Venezia. Ma prima dovranno affrontare le diaboliche sfide ai fornelli.

«Vince quello che sbaglia meno, non è una questione di talento o bravura ma di concentrazione», ha spiegato Cracco dopo la proiezione alla stampa della prima puntata del programma, alla sede Sky di Milano. In questa edizione è stato scelto rispetto alle precedenti di fare «più servizi e meno esterne» ed è «un pò più complesso il menù, spazia di più», ha anticipato lo chef. Una delle esterne sarà al Refettorio Ambrosiano, il progetto di solidarietà nato a Milano da una idea di Bottura e altri.

Cracco nel corso delle 16 puntate, trasmesse due per volta, sarà aiutato da due cous-chef noti al pubblico del programma: Sybil Carbone, finalista della prima stagione, e Mirko Ronzoni, vincitore della seconda, che promettono di essere severi almeno quanto Cracco stesso. Il quale, a chi gli ha chiesto se fosse davvero così cattivo o se fosse solo una parte interpretata in tv, ha risposto: «A volte sì, a volte no.

Ma quando mi fanno incazzare, mi incazzo davvero». «In cucina è così, non stiamo lì a pettinare le bambole - ha proseguito Cracco - bisogna vedere chi ha il carattere più forte per arrivare alla finale e giocarsi il titolo».

Rispetto ai suoi progetti futuri, la star del programma televisivo ha detto di essere molto impegnato con nuove aperture per tre ristoranti: uno in un hotel a Mosca, quello progettato con Lapo Elkann e lo spazio in Galleria a Milano.

«C’è una marea di burocrazia che ha i suoi tempi», ha raccontato Cracco, sottolineando come la complessità dell’apertura sia data anche dalle dimensioni del ristorante, che sarà di circa 1.500 metri quadrati. E continuerà a essere uno dei giudici di Masterchef, la cui sesta edizione inizierà a dicembre.

A chi gli ha domandato quali fossero le differenze tra i due programmi, Cracco ha risposto che «è completamente diverso». «Questa cucina è un pò più vera», perché i concorrenti di Hell’s Kitchen rispetto a quelli di Masterchef «sono professionisti anche se non completamente formati».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy