Salta al contenuto principale

Uccise il rapinatore

chiesta l'archiviazione

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 39 secondi

Per la procura di Milano è stata legittima difesa. Per questo il pm Grazia Colacicco ha chiesto l'archiviazione per Rodolfo Corazzo, il gioielliere che la sera dello scorso 24 novembre a Rodano nel milanese, ha ucciso, sparando alcuni colpi pistola, un rapinatore albanese entrato nella sua casa insieme a due complici, ancora latitanti, i quali avevano anche minacciato la figlia di 10 anni.

L'uomo, con un regolare porto d'armi, era stato indagato come atto dovuto per eccesso colposo in legittima difesa. «È la fine di un incubo» è stato il commento di Corazzo.

«Ringrazio la magistratura per la sensibilità - ha detto l'orefice al telefono - e i carabinieri di Pioltello e Monza che dopo quella sera sono passati innumerevoli volte sotto casa mia».

«Mia figlia è ancora un po' scossa e spaventata nelle ore serali» ha aggiunto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy