Salta al contenuto principale

Cinesi sfruttati a Prato, è omicidio plurimo

Tempo di lettura: 
2 minuti 30 secondi

Omicidio colposo plurimo, disastro colposo, omissione di norme di sicurezza e sfruttamento di mano d'opera clandestina. Per la morte dei 7 lavoratori cinesi carbonizzati e il ferimento di altri tre nel rogo della ditta-dormitorio di via Toscana Macrolotto, alla periferia di Prato, la procura ipotizza questi reati. Indagine che si profila complessa, perché - sottolinea il capo della squadra mobile Francesco Nannucci - «molte persone sono reticenti».
Le fiamme si sarebbero sprigionate dall'angolo in cui era stato allestito il cucinino, fornelli per cucinare e stufette elettriche per riscaldarsi nel grande laboratorio, su una superficie di circa 50 metri per 25 e il soffitto alto circa 7, dove dieci o forse più lavoratori dormivano su un soppalco, nei loculi ricavati con cartone e cartongesso. Di certo, oltre le 7 vittime e i 3 feriti (due gravi all'ospedale Nuovo di Prato) e una donna già dimessa, nel capannone c'era una coppia con un bambino. Hanno preso in braccio il piccolo e sono fuggiti via. Ora si fatica anche a capire chi sia il titolare vero (e non il solito prestanome) di «Teresa Moda». Ma entro oggi la procura potrebbe indagare due o tre persone, i reali gestori della ditta.
In una lettera al presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha chiesto «interventi concertati a livello nazionale, regionale e locale per far emergere da una condizione di insostenibile illegalità e sfruttamento realtà produttive e occupazioni che possono contribuire allo sviluppo economico».
Ma è il quadro d'insieme che emerge da questo dramma a lasciare senza parole: un mondo parallelo fatto di di lavoro nero, zero norme di sicurezza, condizioni di schiavitù. Il procuratore capo Piero Tony  non nasconde il senso amaro di impotenza: «Ci sentiamo spesso impotenti. I controlli sulla sicurezza e su ciò che è collegabile al lavoro, nonostante l'impegno di tutte le amministrazioni e delle forze dell'ordine, sono insufficienti. Siamo sottodimensionati: noi come struttura burocratica - ha spiegato il procuratore - siamo tarati su una città che non esiste più, una città di 30 anni fa. Ci sono 30 etnie in quest'area, la maggiore densità di imprenditoria a marca straniera, la prima in Italia. È successo quello che si poteva ampliamente prevedere o comunque era da temere».
E i controlli non bastano.«Chiudiamo da una parte, sequestriamo capannone e macchinari e quelli aprono più in là», dice il sindaco Roberto Cenni. In quattro anni, spiega il procuratore Tony, sono state sequestrate 600 sedi di ditte. Luoghi di produzione abiti o vendita all'ingrosso con annessi dormitori di loculi dove adulti, donne e uomini, lavorano fino a 14 ore al giorno e dove dormono con i loro bambini. «Condizioni di vita terribili» le definisce il pm che segue l'indagine, Lorenzo Gestri. Mentre domenica i pompieri spegnevano le fiamme ed estraevano i poveri resti delle ultime due vittime, alcuni loro colleghi, controllando le aree vicine, hanno trovato altri due dormitori dove altri «schiavi» prestavano la loro opera.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy