Salta al contenuto principale

Un salto per Matteo

e un mare di gratitudine

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 45 secondi

Un salto per Matteo e un mare di gratitudine

Egregio direttore, le scrivo alcune righe anche se è passato un po’ di tempo per ringraziare se ce ne fosse ancora bisogno chi si è impegnato e che ha lavorato tantissimo per la manifestazione denominata «Un salto per Matteo» svoltasi sui trampolini di Predazzo.
Un grazie agli organizzatori, agli sportivi e a tutti quelli, che hanno contribuito nei modi più diversi, anche per la raccolta fondi per far si che Matteo possa affrontare delle terapie che possono e si spera migliorare di molto la sua situazione attuale. Mi sono sentito di scrivere queste poche righe in quanto è questo il vero motivo che volevo segnalare che purtroppo non è ancora stato possibile ricoverare Matteo presso una struttura/centro specializzato per questi casi, per fargli avere le cure necessarie (riabilitazioni, fisioterapie ecc. ecc.) i famigliari si sono interessati ed hanno avuto dei contatti ma si sta ancora aspettando una chiamata per far sì che ciò avvenga. A parer mio e non sono medico, ma sono impegnato nel sociale per le persone che hanno bisogno di aiuto, si dice sempre che in questi casi il tempo non è amico prima si interviene meglio è. Allora faccio questo appello, che per Matteo si trovi una soluzione, e chissà quante altre persone sono in questa situazione, facciamo allora che l’impegno di tante persone con le varie iniziative che sì sono impegnate per garantire cure adeguate a queste persone che ne hanno estremo bisogno non vengano divorate dal tempo, perché il tempo non aiuta per queste patologie come già detto, anzi. Vogliamo e crediamo spesso di essere una società modello, bella, talvolta però manca qualcosa e per esserlo dobbiamo fare/dare qualcosina in più.

Bruno Ceschini


 

Un esempio tutto da imitare

C’è sempre tempo per parole piene di gratitudine e pensieri profondi. C’è sempre la possibilità di fare di più, anche se qui - benché il tempo sia davvero e sempre un tiranno contro il quale si deve lottare ogni giorno, soprattutto in campi come questi - siamo già di fronte a un esempio tutto da imitare.

a.faustini@ladige.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy