Salta al contenuto principale

Orso M49, lo vuole l'Abruzzo

però non si riesce a trovarlo

e oggi se ne parla in Consiglio

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 49 secondi

Continua la caccia a M49. Che incredibilmente sembra essere scomparso in un triangolo di montagna fra Susà, Bosentino e Calceranica.

Le squadre della Forestale che stanno ricercando l’orso nei boschi della Vigolana, del Perginese e delle aree limitrofe sono operative - dice la provincia - 24 ore al giorno. Il loro lavoro è però reso complicato dal fatto che, prima della sua evasione dal Casteller, al plantigrado “problematico” è stato tolto il radiocollare. Sui motivi che hanno portato gli esperti forestali a prendere questa scelta se ne tornerà a parlare oggi in Consiglio provinciale, quello dedicato all’assestamento di bilancio.

Ai punti all’ordine del giorno ne sarà aggiunto - a margine della giunta svoltasi venerdì scorso si dava per scontato che succederà questo - un altro. Interamente dedicato a M49. Il presidente Fugatti ricostruirà in aula l’intera vicenda e risponderà alle domande dell’opposizione. Dovrà replicare a quanti sostengono che non è possibile chiedere l’abbattimento dell’orso senza un’ordinanza ad hoc e a chi ha giudicato un pesante errore il trasporto dell’animale in questione dalla Val Rendena al Casteller senza prima averlo anestetizzato. Una cosa che, secondo il consigliere del Patt e veterinario Michele Dallapiccola, gli ha provocato enormi sofferenze. Fa discutere, inoltre, l’appello, lanciato da Maurizio Fugatti all’Ispra e al ministro Sergio Costa di accontentare, «se loro lo ritengono opportuno», quelle associazioni e amministrazioni comunali italiane che nelle ultime fanno a gara per adottare M49.

Il Centro visita dell’orso di Villavallelonga è pronto ad ospitarlo. L’iniziativa è nata da Lndc-Animal protection, che ha chiesto e ottenuto disponibilità da questa meravigliosa area faunistica attrezzata all’interno del Parco Nazionale d’Abruzzo, che in passato ha accolto a lungo due orsi. Non trovano, invece conferma al momento, le voci di un trasporto di M49 in Slovenia. Paese che ha appena approvato un piano di abbattimento di lupi e orsi per riuscire a rendere equilibrata la gestione dei grandi carnivori sul suo territorio. A seguire tutta la partita dell’animale in fuga in prima linea è Ispra, l’organismo tecnico del ministero dell’Ambiente. I suoi responsabili sono in costante contatto con Fugatti. Sergio Costa, intanto, continua a ribadire la sua totale contrarietà all’uccisione.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy