Salta al contenuto principale

Da Napoli a Merano: frutta avariata

per fare succhi di frutta

Fermato carico di 28 tonnellate

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 6 secondi

Un carico di oltre 28 tonnellate di frutta avariata è stato trovato dalla Polizia Stradale su un autoarticolato, che trasportava 95 casse di albicocche provenienti da un’azienda napoletana e destinate ad una ditta di Merano (Bolzano), per essere trasformate in succhi di frutta. La scoperta è stata fatta all’alba di ieri in un’area di sosta vicino al casello di Sasso Marconi, nel Bolognese.

Gli agenti della Polstrada di Pian del Voglio, durante i normali servizi di vigilanza, hanno notato che dal veicolo usciva liquido maleodorante, che continuava a gocciolare sull’asfalto. Il controllo ha rivelato che il mezzo pesante conteneva circa 28.500 kg di albicocche, distribuite in 95 casse, in pessimo stato di conservazione, confermato anche dalla presenza di diversi parassiti. I medici dell’Ausl, chiamati dalla stessa Polizia, hanno constatato il cattivo stato di conservazione dell’intero carico, che è stato sottoposto a vincolo sanitario tramite l’apposizione di nove sigilli.

È stata proibita la trasformazione delle albicocche in succo di frutta, incaricando i colleghi della Asl di Merano di verificarne all’arrivo la effettiva distruzione, o il cambio di destinazione per un uso diverso da quello alimentare. Il conducente dell’autoarticolato, un camionista romeno, è stato multato perché non aveva sistemato correttamente le casse di frutta, alcune delle quali non erano ben assicurate con cinghie.
L’uomo è potuto ripartire solo dopo aver ripristinato le condizioni di sicurezza.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy