Salta al contenuto principale

Quattro politici condannati

Maschio, Kaswalder, Stanchina

e Bridi "toncati" nell'Adige

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
6 minuti 59 secondi

Questa volta nell’Adige sono finiti i politici. Ben quattro: Roberto Stanchina, Walter Kaswalder, Andrea Maschio e Vittorio Bridi. Per la gioia del pubblico che l’anno scorso ha storto il naso perché ad essere «toncata» era stata l’accidia. Ma si sa, non c’è nulla che esalti la folla come i potenti messi alla berlina. Da sempre. Il tribunale di Penitenza lo ha capito e ha agito di conseguenza.

GUARDA LE FOTO



Le sentenze sono state rese note ieri sera dal giudice supremo «ma vagamente imparziale», una Loredana Cont in stato di grazia. Che ha esordito alla sua maniera, rivelando cioè che fino all’ultimo momento «pareva che la zatterata no la dovessa partir per le condizioni dell’Adige, ma l’è na scusa. La realtà l’è che al  presidente Fugatti – ghè vegnù en ment che el so modello de riferimento l’è Matteo Salvini. E quindi l’ha dit: Cossa? Zattere sull’Ades che le vol attraccare a Trento?
Gnente da far! Non concedo l’autorizzazione agli sbarchi nel porto di Trento. Ma nella notte ghè stà tutt en lavoro de diplomazia, de intelligence, s’è mes de mez i servizi segreti, i ha ciamò anca el Claudio Cia che el gà en nome che l’è na garanzia, a spiegarghe che no se trateva de migranti». E, ha spiegato Loredana Cont, a quel punto Fugatti si è arreso:  «Va bem, i lasso entrare nel porto de Trent ma aqua en boca col Matteo...Che forse el Matteo l’acqua en boca no ‘l la apprezza gnanca tant, ma nente avanti!».

I QUATTRO TONCATI

Ma eccoci alle sentenze. Prese «dopo due notti insonni».
In acqua finisce l’assessore comunale Roberto Stanchina. Per questo motivo: «In occasione degli ultimi mercatini di Natale mancheva i gabinetti, e se i ghera i era assolutamente insufficienti: 50.000 turisti al giorno che beve vin brulè al fret l’è 50.000 vessighe che gà bisogno de svodarse. No se pol preveder sol gabioti per spender, ghe vol anca gabioti per spander! Bisogna pensar ai omeni che i gà l’impianto idraulico... co la rubinetteria sempre en funziom!  Avevo suggerì l’idea de obligar i omeni a nar en giro muniti de pappagallo (sat, tipo en marsupio, fat bem) ma i ha dit: pappagallo? Set mata che insorge i animalisti! Dopo il dibattimento, Stanchina, forse per ingraziarsi questo giudice, ha dichiarato che i vespasiani si faranno, i soldi i è zà stanziati... e quindi praticamente siamo davanti a un pentito. Che onore! Questo Giudice, però, ha avuto modo di parlare con l’imputato ed ha capito che no ‘l vede l’ora de esser toncà. L’è anni che el l’aspetta. E mi gò avù l’impressione che l’altra sera, sotto alla camisa, el gavessa el salvagente, perchè quela rotondità no pol esser stà tutt panza! E allora per farlo content lo condanno».

E veniamo ai due consiglieri comunali di Trento Andrea Maschio e Vittorio Bridi. «Sti do consiglieri - i s’è fatti portavoce delle esigenze del genere umano maschile: in consiglio comunale hanno impegnato il sindaco a chiedere al parlamento italiano di abolire, no na tassa che riguarda tutti, ma la legge Merlin e riaprire quindi le case chiuse, i dis per tutelare le donne dallo sfruttamento perché drio a ste donne sulla strada ghè i sfruttatori. E dopo i ha chiesto che la Provincia si attivi in sede Romana per avere la competenza a legiferare in materia di prostituzione! Cossita se poderà dir finalmente che la provincia la ha fat na legge che l’è na puttanada! Ma non contenti i consiglieri Bridi e Maschio (con en cognome cossì!)  hanno suggerito dove far questo bordel che ovviamente el se ciamerà elegantemente centro legalizzato per la pratica del meretricio: all’hotel Panorama sul Bondom, cossita en de ‘n colp sol i ghe risolve al sindaco el problema de come recuperare la struttura fatiscente dell’hotel Panorama e quelo de tirar via le lucciole dalle strade. Ma veramente credè che nei bordelli ghe vaga rento quelle che adess ghè sulle strade? Gaverem i casini e anca la prostituzione in strada».

Il quarto “condannato” è Walter Kaswalder. «Oltre che nome eccellente l’è anca nome difizile, perché el gà do v doppie, el gà anca la cappa come la fornèla de me pora nona....Il presidente del Consiglio Provinciale è accusato di aver licenziato in tronco il suo segretario particolare Walter Pruner, reo di avere partecipato come uditore, al congresso del Patt fondato da suo padre Enrico Pruner, senza dirghelo! Dita cossita, la me par grossa, cioè no me par possibile che se poda licenziar co sta motivazion, anca se en politica ghè da aspetarse de tutt,  ma qua la questione è delicata, qua forse siamo difronte a insufficienza di prove, qua ghe voria n’avvocato del lavoro  o comunque n’esperto del lavoro... mi ho laorà 42 anni en Comune, capì anca voi che de laoro sò poc e gnente! E allora, valutati i pro e i contro, sapendo che Kaswalder el vorìa esser toncà come forma di espiazione e come punto in più sul suo curriculum..lo condanno».

I QUATTRO ASSOLTI

L’assessore provinciale alla Cultura Mirko Bisesti per quest’anno ha schivato la “tonca”. «Accusato di aver stoppato il Clil, che no l’è mochen, e gnanca la famosa lingua nonesa della Dominici, dalla quale secondo ela discende el latino e quindi anche l’italiano, ma l’è el trilinguismo de l’Ugo Rossi, cioè l’insegnamento delle materie scolastiche in lingua straniera. C’è chi ha apprezzato questo stop, chi s’ha lamentà chi no ha capì gnente perchè l’eva emparà la lingua sbagliada. A questo giudice non sembra malefatta degna da meritarse la tonca. Come pure quell’incontro movimentato nel palazzo della Provincia per parlar de gender: diria una serata organizzata male, ma Bisesti era all’inizio del suo mandato, el gheva ancora da tor le misure, me par che dopo la è nada meio».

Salvo pure Alessandro Andreatta: «È stato accusato di non dare a Trento quelle risposte di cui avrebbe bisogno, di non riuscire a sciogliere i vari nodi che sono sotto gli occhi di tutti: il degrado della città in generale, del Bondone, cossa far de l’ex Sloi, quando far el Prg, el problema de l’Italcementi, dell’ex Atesina, far na città a misura de studenti e contemporaneamente a misura de residenti e de anziani. Ensoma, praticamente co la maggioranza che el gà se pretenderia che el Sindaco el fessa miracoi: che el sia de cesa se ‘l sà, ma me par che per i miracoi sia prest.... el vero miracol saria quel de far nar d’acordo la so maggioranza. Sa far? Toncarlo? Me par mass, farghe en gavetton quando el passa en via Belenzani doman matina? Decido de evitar de toncarlo ancora sennò stavolta el fa la muffa!!».  

Assolto con formula piena per carità cristiana, l’assessore provinciale al Turismo Roberto Failoni. Loredana Cont spiega il perché della scelta: «Da quello che ho letto intende aprire le strade dolomitiche alle automobili dopo che la precedente amministrazione ne aveva limitato il transito nei mesi estivi... Mah, sa volè che ve diga... da sempre le nuove amministrazioni de orientamento politico diverso dalle precedenti le desfa quel che le ha ciapà en eredità. L’è come quando te compri n’apartamento usato: come minimo te cambi el paviment, i serramenti el vater e el bidè».

Risparmiato Maurizio Fugatti: «Gò pensà. Il servizio gratuito sugli autobus per gli over 70 l’è na bella iniziativa anca se ades i nonni co la scusa che i viaza gratis i continua a girar tutt el dì, che te toca nar a recuperarli al deposito della Trentino Trasporti dopo l’ultima corsa a mezzanot, e te risc’ci de portar a casa el nonno sbaglià da tanti che ghe n’è lì da ritirar... e a na zerta età i è tuti stessi! Riguardo alla
Per quanto riguarda la gestione dei migranti  le idee del presidente non sono mai cambiate quindi sembra fuori luogo adesso meravigliarsi o indignarsi: l’è stà votà propi perche el la penseva cossì, che è esattamente come la pensano a Roma. Ma noi, Maurizio, no sente na Provincia Autonoma? E allora, fa l’autonomo! Varda che auto-no-mia no vol miga dir che l’auto no la è tua, vol dir propi el contrario! Pertanto,  concludendo, ritengo non ci siano i presupposti per condannarlo!».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy