Salta al contenuto principale

Supermercati Poli: troppi furti

30 euro ai dipendenti

che segnalano un ladro

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 26 secondi

Troppi furti in negozio e così il gruppo Poli ha deciso di dichiarare guerra ai singoli o ai gruppi organizzati che da tempo portano via quantità significative di merce dagli scaffali dei supermercati. Lo ha fatto cercando di coinvolgere anche il personale e incentivando il lavoro di controllo. Chiunque segnali un ladro tra gli scaffali verrà premiato in busta paga con 30 euro lordi. Questo indipendentemente dall’entità della merce sottratta furtivamente.

La novità è stata comunicata nei giorni scorsi a tutto il personale dei vari punti vendita. «Da tempo si registrano consistenti perdite economiche da differenze inventariali, derivanti da sottrazioni di articoli e prodotti presso i singoli punti vendita ad opera di avventori che agiscono probabilmente su commissione», si legge. Un fenomeno particolarmente consistente che pesa sul bilancio della società che con questa iniziativa ha deciso di stringere un’alleanza con i propri dipendenti. A livello italiano i furti creano un danno di 3 milioni di euro all’anno per la grande distribuzione.

Critici sull’iniziativa i sindacati Filmacms Cigil, Fisascat Cisl e UiltuCs Uil che si chiedono come «possa un datore di lavoro responsabile chiedere ai propri lavoratori per 30 denari di mettere a repentaglio la propria incolumità combattendo una possibile organizzazione criminale che taccheggia su grande scala i negozi su commissione». Preoccupati delle conseguenze i rappresentanti sindacali chiedono un confronto immediato con l’azienda e il ritiro immediato della circolare.

«Le taglie e le ricompense sono metodi primitivi che non appartengono ad uno stato civile e questo è un ulteriore esempio dell’imbarbarimento dei rapporti nel modo del commercio. Poli cessi di richiedere ai lavoratori di essere poliziotti e investa nel personale e nella sicurezza, non si può giocare con l’incolumità dei lavoratori per il mero profitto», scrivono i sindacati.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy