Salta al contenuto principale

Furto di Postepay e truffe

Un trentino sotto accusa

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 23 secondi

Vittima o truffatore? Per la magistratura avrebbe messo a segna una decina di truffe sulle auto usate, sparendo dopo avere incassato i soldi.
L’accusato, un trentino, si difende sostenendo di essere lui stesso una vittima dei truffatori, che utilizzerebbero le sue Postepay per incassare il denaro.

I fatti risalgono alla fine del 2017 e ruotano attorno ad una serie di annunci pubblicati su Subito.it, relativi alla vendita di piccole utilitarie usate: dalla Lancia Y alla Toyota Yaris o all’Opel Agila.

Automobili proposte a prezzi piuttosto appetibili. La tipologia di truffa è sempre la stessa: l’acquirente, dopo avere contattato il venditore via internet, si accorda, anche telefonicamente per acquistare la macchina. A quel punto il truffatore fornisce i dati delle tessere Postepay su cui caricare il denaro (pagamenti da 200 a 900 euro). A quel punto l’ignaro cittadino paga, ma appena il denaro arriva a destinazione il venditore sparisce e con lui anche l’automobile da comprare. I casi, una decina quelli oggetto di contestazione, sono successi tra il Trentino e la Lombardia ed è proprio attraverso i dati dell’intestatario delle tessere che gli inquirenti sono risalit al trentino.

L’uomo, però, sostiene che gli sono state rubate e che non ne ha denunciato il furto perché erano vuote, ma con dietro i codici. Insomma, ad incassare il denaro, non sarebbe stato lui, ma chi metteva a segno i raggiri. Per questo la difesa ha chiesto che vengano svolti gli accertamenti informatici per risalire anche all’indirizzo Ip da cui venivano pubblicati gli annunci. A confermare l’estraneità dell’indagato, inoltre, ci sarebbe il fatto che tutti i prelievi venivano fatti soprattutto in Lombardia, mentre lui vive a Trento.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy