Salta al contenuto principale

«Negro di m...», le offese

di un genitore alla partitella

dei ragazzi del basket under 13

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 46 secondi

Offese razziali a un ragazzino di 13 anni, da parte di un genitore avversario, ad una partitella di basket. «Buongiorno. Sono la mamma di un ragazzino che oggi ha giocato un triangolare under 13. Mio figlio è stato adottato in Etiopia. È italiano dalla pelle nera. Vorrei ringraziare quei GENITORI che dagli spalti gli hanno urlato NEGRO DI MERDA. Complimenti. Evviva lo sport». La denuncia porta la firma di una mamma, Rita Aicardi, che sulla pagina Facebook della squadra di basket dove gioca il figlio, la Asd Tigers Milano, ha svelato ieri sera come il piccolo sia stato fatto oggetto di cori razzisti sabato durante un torneo riservato agli studenti di una scuola media del capoluogo lombardo.

«Gentile Rita, ci spiace veramente per l’accaduto. Condanniamo assolutamente quanto accaduto e prenderemo assolutamente i dovuti provvedimenti», la risposta immediata della società. Che, stamattina, è tornata sull’episodio con un post più articolato: «In seguito all’episodio avvenuto durante il torneo triangolare dedicato all’Amica Bianca Polchi-Martone, la società ASD tigers condanna e si dissocia completamente ed in maniera netta dall’accaduto. Da sempre lottiamo contro ogni episodio di discriminazione di ogni forma e tipo e continueremo a farlo fino a quando episodi come questo non esisteranno più».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy