Salta al contenuto principale

Il miracolo della Penny Wirton

volontari di ogni età insegnano

l'italiano agli stranieri

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 44 secondi

C’è chi dice no, cantava Vasco. Un «no» detto (e fatto) dal presidente Fugatti e dalla Lega ai corsi di italiano per gli stranieri. E poi ci sono le associazioni, che hanno detto «no» a Fugatti e alla Lega, ma poi non sono rimaste con le mani in mano e sono andate avanti comunque, facendo rete e agendo nel “sottobosco”. Tra queste la scuola Penny Wirton, che per due volte alla settimana organizza lezioni per stranieri: volontari sono sia gli studenti sia i professori, mossi gli uni dalla voglia di integrarsi, di apprendere, di socializzare, e gli altri dallo spirito solidale e dalla consapevolezza che a un no si può rispondere in maniera concreta, civile e appassionata, senza fare troppo rumore, ma facendo e basta.
I prof hanno età, mestieri ed estrazione sociale differente: ci sono prof “veri”, ma anche studenti, professionisti, pensionati. Persone che dedicano qualche ora alla settimana al prossimo, senza volere nulla in cambio.
«Penny Wirton - spiega il coordinatore Luca Bronzini - è il protagonista di un romanzo per ragazzi di Silvio D’Arzo: era un ragazzo irlandese povero e disprezzato, che viveva in una condizione di marginalità, ma capace di ritrovare la propria dignità e il proprio riscatto grazie anche all’aiuto del supplente della scuola del villaggio. Nel 2008 Eraldo Affinati e Anna Luce Lenzi hanno fondato una scuola intitolandola proprio a questo personaggio, attiva da un anno anche qui a Trento, grazie alle aule messe a disposizione all’interno del convento dei cappuccini, in via Laste».
In questo anno più di 170 “alunni”, dai 16 ai 70 anni, di 47 nazionalità e con livelli diversi, da universitari ad analfabeti hanno partecipato alle lezioni, per un totale di più di 2000 ore.
«Ci siamo stabilizzati con gruppi tra le venti e le trenta persone e una quindicina di insegnanti: ci troviamo il martedì e il giovedì per due ore. Tra gli alunni ci sono siriani dei corridoi umanitari, brasiliani che vivono qui da anni, mogli di trentini, bandanti dell’est, pakistani arrivati dopo viaggi pazzeschi e studenti universitari. Alcuni con la sospensione dei trasporti gratuiti hanno qualche problema ad arrivare (la Lega ha tolto la tessera agli stranieri, favorendo invece i pensionati trentini ndr), ma chi inizia continua con entusiasmo a frequentare».
Ognuno ha le proprie motivazioni: alcune donne semplicemente saper leggere le etichette al supermercato, altri molto più banalmente (e drammaticamente) trovare un posto caldo e una mano tesa. Questa rete solidale, spontanea e per certi versi inaspettata, volendo rappresenta una seconda “vittoria” per chi ha detto «no»: si continua a fare quello che si faceva, però a costo zero, senza riconoscere nulla ai volontari.
«Potrebbe sembrare paradossale, è vero. Personalmente credo che il pubblico, la politica, dovrebbero investire in questo sia per rispondere a una necessità sia per costruire un ambiente favorevole ai processi di integrazione. Lasciamo perdere per un attimo l’aspetto umanitario: se diamo una mano a queste persone anche i loro figli cresceranno più felici e integrati. E poi un aspetto utilitaristico: la nostra popolazione è tremendamente vecchia. Badanti, raccoglitori di frutta, operai, sono tutti stranieri. E molte classi o squadrette di calcio giovanili sono in gran parte composte da stranieri: senza di loro non ci sarebbero certi campionati e ci rimetterebbero tutti i bambini».
Anche quelli trentini doc, quindi. Dire «no», forse, è facile ma poco utile.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy