Salta al contenuto principale

In campo 24 associazioni

per dire «no» alla Valdastico

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 29 secondi

Dopo il lancio della petizione per il blocco del progetto di raccordo autostradale tra il Trentino orientale ed il Veneto, il coordinamento «No Valdastico nord-A31» torna in campo con due iniziative di sensibilizzazione, allo scopo di informare la popolazione sui rischi per la salute e per il territorio rappresentati dalla realizzazione della grande opera.

Gli incontri, fissati a Borgo Valsugana e Arco, si prefiggono di coinvolgere la popolazione nella campagna contro l’infrastruttura, aumentando il numero di adesioni alle sottoscrizioni dirette alle amministrazioni dei Comuni interessati e al Consiglio provinciale. In particolare, l’obiettivo dei proponenti è quello di far emergere le criticità di carattere paesaggistico e ambientale rappresentate dal tratto nord dell’autostrada, in modo da aumentare il numero dei contrari.

Tra le ragioni addotte dagli esponenti del coordinamento, che raccoglie 24 associazioni ambientaliste e comitati di cittadini, vi sono la presunta inutilità dell’opera, i danni ambientali e le possibili conseguenze in termini di traffico e qualità dell’aria. Inoltre, sono stati sollevati dubbi dai promotori in merito a possibili interessi economici da parte dell’attuale concessionario dell’autostrada.

«Al di là del tracciato previsto - ha spiegato il portavoce del coordinamento Aaron Iemma - noi contestiamo l’intero troncone Nord dell’A31, un’opera figlia di un modello di sviluppo antiquato e ormai inutile. Ci sono modi differenti di concepire la mobilità oggi, che non passano per la creazione di nuove strade. Ci sono problemi oggettivi di carattere tecnico e ambientale, che fanno sorgere sospetti sulle effettive competenze degli attuali promotori dell’opera. Non si capisce perché investire tante risorse pubbliche su una soluzione inadeguata alla realtà».

Gli appuntamenti di sensibilizzazione avranno luogo a Borgo Valsugana il prossimo 15 aprile (ore 20.30 presso l’Auditorium di piazza Ceschi) e il 17 aprile ad Arco (20.30, sala dei Vigili del fuoco).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy