Salta al contenuto principale

Donna di 80 anni "spilla" 100mila €

a un anziano benestante

e li spende al gratta e vinci

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 51 secondi

Si è conclusa con un'ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari da parte del Gip di Rovereto l'operazione "Cash Machine" condotta dai carabinieri di Riva del Garda che ha visto l'arresto di una donna di quasi 80 anni accusata di una circonvenzione di incapace ai danni di un uomo benestante, anziano anch'esso, ma con problemi psichiatrici, che si è visto "spillare" una somma stimata prossima ai 100.000 euro in poco più di un anno e mezzo.   

Il sospetto, paventato da alcuni congiunti della vittima, di una forte "emorragia di denaro" dai conti dell'uomo è stato rappresentato ai carabinieri che hanno immediatamente posto in essere una serie di accertamenti, servizi di osservazione e pedinamento che, nel giro di pochi giorni, hanno evidenziato come l'anziana donna circuisse il malcapitato inducendolo ad eseguire continui prelievi di denaro sia allo sportello che al bancomat della propria banca, consegnandole i quattrini immediatamente dopo. I soldi sottratti non sono stati recuperati in quanto la donna era solita spenderli nel giro di poco tempo al gioco, con superenalotto e gratta e vinci. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy