Salta al contenuto principale

Catturato dopo 4 anni

l'ultimo della banda dei Rolex

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 1 secondo

Dopo quattro anni è stato catturato anche l’ultimo componente della “Banda dei Rolex” che, tra l’altro, il 25 marzo del 2015 colpì alla gioielleria Tomasi di via San Pietro. A carico del 27enne di nazionalità lituana pendeva un ordine di arresto europeo, misura cautelare eseguita nei giorni scorsi. Il giovane, accusato di rapina aggravata e concorso in lesioni personali, è stato fermato dalla polizia in Germania ed estradato in Italia.

Il lituano è arrivato su un volo da Francoforte con destinazione Milano Linate. Ad attendere l’indagato nello c’erano gli uomini della Squadra Mobile di Trento e della polizia di frontiera aeromarittima che hanno tasferito il giovane nel carcere di Milano.

Un altro presunto bandito, sempre di nazionalità lituana, accusato di aver preso parte alla stessa rapina era stato arrestato nel 2017 dopo essere stato individuato nei Paesi Bassi.

I due rapinatori si erano  presentati in gioielleria poco prima dell’ora di chiusura chiedendo di vedere qualche oggetto d’argento per un regalo. Le loro intenzioni, però, erano ben altre. Appena sul bancone  comparvero i preziosi, uno dei malviventi estrasse la pistola puntandola contro il personale. I banditi fuggirono ma un paziente lavoro investigativo condotto da polizia e carabinieri di dare un’identità ai presunti banditi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy