Salta al contenuto principale

Ripulisce le strade di Bolzano

facendo jogging: la storia

del karateka senegalese

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 12 secondi

Ha trasformato una situazione spiacevole come un infortunio alla mano in una opportunità per lui e per la comunità. Papa Dame Diop, 50 anni, cittadino italiano originario del Senegal, ha così lasciato gli allenamenti di karate per iniziare a correre. Non solo, perchè Papa Dame Diop non è solo uno sportivo appassionato, ma tiene anche pulita la città di Bolzano da cartacce e rifiuti gettati sui marciapiedi e per strada.

L’idea si chiama «plogging», fusione dell’espressione svedese «plocka upp» (raccogliere) con la più nota parola inglese «running», correre. L’idea è semplice quanto vincente: fare jogging ripulendo le strade della città, unendo l’attività sportiva all’aperto con la cura per l’ambiente urbano. Diop ha iniziato da solo, ora sono in 50, tra operai, runner e giovani richiedenti asilo.

«All’inizio ero solo, poi si è aggiunto qualche amico e anche qualche collega di lavoro. Adesso siamo tanti ed è nata un’associazione. La cosa più bella è che adesso vengono ad aiutarci anche dei ragazzi richiedenti asilo», racconta Papa Dame Diop. Per lui, operaio Iveco e delegato sindacale Uil, raccogliere la spazzatura è un modo di contribuire. «Ogni volta che raccolgo della carta o la spazzatura mi dico interiormente che sto facendo una cosa utile. In più correndo faccio bene a me stesso, anzi facciamo bene a noi stessi, perchè siamo un gruppo, e anche alla società», dice il runner. Da qualche mese l’iniziativa è sostenuta da Comune e Seab, che fornisce sacchi, guanti, magliette e punzoni.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy