Salta al contenuto principale

Incubo nebbia in A22: un morto

e 40 feriti, 80 mezzi coinvolti

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 25 secondi

Mattinata di nebbia fitta al nord e sulle autostrade scoppia il caos, con tamponamenti a raffica e circolazione bloccata sull’A1, tra Milano e Basso Lodigiano e sull’A22 tra Carpi e Verona. È qui, al confine tra Veneto e Lombardia, la situazione più critica con oltre 80 mezzi coinvolti in una ventina di diversi scontri, un morto e 37 persone portate in ospedale, sei in condizioni gravissime per lo schiacciamento di arti o di altre parti del corpo. Sono invece nove i feriti lievi per quanto successo a sud del capoluogo lombardo, dove il 118 ha subito disposto un servizio di emergenza per i soccorsi.

Entrambe le autostrade sono state a lungo chiuse, per consentire lo sgombero dei veicoli danneggiati e per evitare un’ulteriore congestione. Ripercussioni con code e forti rallentamenti ci sono state anche su altre autostrade, come l’A4 Milano-Venezia e sulla viabilità ordinaria, con automobilisti rimasti fermi per ore o obbligati a avanzare a passo d’uomo, in attesa di poter ripartire regolarmente.
Sull’Autobrennero da prima delle 9 sono stati chiusi in entrata tutti i caselli da Carpi a Verona, in entrambe le direzioni e l’autostrada è rimasta bloccata, quasi novanta chilometri di disagi. Tra Nogarole Rocca e l’allacciamento con l’A4 si sono verificati i due tamponamenti più importanti, attorno al chilometro 237 in direzione nord e al 232 verso sud.

Per raggiungere i feriti, i vigili del fuoco, i mezzi del 118 e della Polizia Stradale, intervenuti con decine di uomini, hanno dovuto farsi largo in una selva di auto e camion, alcuni accartocciati fra loro, altri finiti contro il guard rail o la recinzione della corsia di emergenza. La persona deceduta si chiamava Dino Ghezzi, di 69 anni, di Parma. Secondo quanto ricostruito era in macchina con un amico quando questa è rimasta coinvolta nel tamponamento. I due sarebbero scesi e a quel punto sono stati centrati da un’altra vettura che stava sopraggiungendo: l’amico è rimasto ferito ed è stato portato in ospedale, mentre per Ghezzi non c’è stato niente da fare.

Le persone più gravi sono state portate negli ospedali di Borgo Trento e Borgo Roma, a Verona, San Bonifacio, Peschiera e Mantova. Diversi anche i contusi che non hanno avuto bisogno del trasporto con l’ambulanza. Anche nelle ore successive la viabilità è rimasta critica, con la circolazione rallentata fin verso metà pomeriggio, quando ormai la foschia si era diradata lasciando spazio a una giornata serena. «La nebbia - ha detto il comandante della polstrada di Verona, Girolamo Laquaniti - è una concausa, ma non la causa.  Velocità, distrazioni hanno favorito seriamente i tamponamenti».

La scarsa visibilità ha contribuito anche al maxi-tamponamento sull’A1, con una serie di incidenti al chilometro 40, tra Casalpusterlengo e il Basso Lodigiano. Una persona è stata portata in ospedale a Piacenza, tre a Codogno (Milano) e, cinque all’ospedale di Lodi. Nessuno di loro ha riportato ferite gravi. Le tre corsie in direzione di Bologna sono state riaperte completamente prima delle 15.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy