Salta al contenuto principale

Trento: rilevatori del gas,

la truffa è in agguato

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 56 secondi

Dopo aver attraversato il nostro territorio lo scorso anno, tornano a farsi vedere a Trento aziende che propongono kit per il rilevamento del gas a prezzi astronomici, rivolgendosi in particolare modo a persone anziane e sole. Nei giorni scorsi sono apparsi in alcuni palazzi del capoluogo, in particolare nei quartieri della circoscrizione di San Giuseppe-Santa Chiara, volantini che notificano ai residenti la visita di personale specializzato nella vendita e nell'installazione di apparecchiature di sicurezza domestica. Il problema del servizio è nel prezzo, dato che le società in questione, spesso con sede in altre regioni del Nord Italia, offrono prodotti del valore compreso tra i 15 ed i 20 euro ad un costo complessivo pari o superiore ai trecento euro, negando poi ai propri clienti la possibilità di esercitare il diritto di reso. I destinatari della vendita, come avviene spesso in questi casi, sono soprattutto gli anziani, che vengono indotti all'acquisto del prodotto attraverso sottintesi e giri di parole. Le strategie utilizzate sono diverse, ad iniziare dal lasciar credere che si tratti di un adeguamento indispensabile in corso in tutto il condominio, per arrivare a indicazioni più o meno veritiere sull'insicurezza degli alloggi privi di rilevatore. 

Il metodo attuato da una di queste aziende, che spesso cambiano nome, rendendo così più difficile rintracciarle, ci è stato raccontato da Giovanni Stenico, testimone diretto dell'inganno perpetrato ai danni della madre. «La prima comunicazione avviene attraverso l'affissioni di volantini nel giroscale del condominio - spiega - a cui segue una visita a domicilio, in orario lavorativo (ovvero quando vi è più probabilità di trovare a casa unicamente persone anziane). La presentazione del prodotto, così come l'installazione, viene effettuato da un presunto tecnico specializzato, vestito con pettorina e cartellino di riconoscimento, mostrandosi in confidenza con l'ambiente millantando la vendita dell'apparecchio a tutti i condomini. Il pagamento viene richiesto immediatamente, mentre il prezzo finale viene comunicato unicamente a installazione conclusa».
La richiesta di rimborso effettuata poi attraverso i canali aziendali, a quanto narrato, non ha portato a nulla, e i presunti tecnici, una volta conclusa la compravendita, «non si fanno più vedere», ha concluso Stenico.
In caso di avvenuto raggiro, il consiglio è quello di segnalare il fatto alle forze dell'ordine e al Centro di ricerca e tutela dei consumatori di Trento (Crtcu), che fornisce indicazioni e supporto per l'eventuale recupero della somma spesa per pratica commerciale scorretta.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy