Salta al contenuto principale

Torna il «pirata» delle webcam

scritte contro il Translagorai

Chiudi

Translagorai ,schifo, webcam

Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 56 secondi

Lo scorso anno si era «divertito» a piratare le scritte di servizio delle webcam provinciali, con messaggi erotici, per cui davanti alla località inquadrata compariva la scritta «Antonella scopami a...». Adesso l'anonimo hacker pirata è tornato a colpire nella zona dalla Val dei Mocheni alla Valsugana, ma stavolta il messaggio è «politico» contro la nuova realizzazione del sentiero di lunga percorrenza: la scritta che appare chi si collega alle webcam è «Translagoraischifo».

Si tratta di una protesta fra il serio ed il faceto, che prende di mira il progetto di creare un percorso di trekking lungo la dorsale del Lagorai: sentiero già esistente, ma che ora con un protocollo di intesa fra Provincia e Magnifica Comunità di Fiemme (con l'appoggio di molti Comuni, anche in Valsugana e Vanoi) prevede ingenti risorse e discusse trasformazioni di malghe e casare in «strutture ricettive». Qui la presentazione del progetto.

Contro il progetto è attivo da mesi un gruppo, che su Facebook ha raccolto 20 mila adesione e che si chiama «Giù le mani dal Lagorai». Un mese fa, la Sat provinciale, uno dei soggetti promotori, ha parzialmente rivisto il suo appoggio al progetto: qui l'articolo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy