Salta al contenuto principale

Bimba di due anni in coma

aveva ingerito droga

Pavia, tolta la patria potestà ai genitori

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 0 secondi

Tracce di hashish, marijuana e anche cocaina nel sangue e nelle urine: questo hanno trovato i medici dell’ospedale San Matteo di Pavia quando hanno ricoverato una bambina di due anni e mezzo arrivata in coma. A darne notizia è «La Provincia pavese». La bimba vive in provincia di Milano. Quando il 22 dicembre è svenuta, i genitori (papà venditore ambulante di trent’anni e mamma di poco più giovane) hanno chiamato il 118. La piccola è stata portata in ambulanza all’Humanitas di Rozzano che però non ha il reparto di pediatria e quindi d’urgenza a Pavia, dove dagli esami è risultato che aveva assunto droga. Quindi dopo il trattamento adatto si è ripresa. È stata dimessa, con la promessa (mantenuta) che i genitori l’avrebbero riportata per un controllo il giorno dopo. Nel frattempo sono intervenuti polizia e Tribunale dei Minori di Milano, che hanno affidato la bambina, rimasta intossicata dalla droga, al reparto pediatrico del San Matteo, dove ora si trova insieme alla mamma. Ai genitori è stata tolta d’urgenza la podestà ed è stata aperta un’inchiesta per capire come sia stata intossicata dalla droga. Ora il legale di mamma e papà, Antonio Savio, chiederà che la piccola sia affidata agli zii che vivono a Brescia.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy