Salta al contenuto principale

Fioccano multe salate

per i furbetti dei camion

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 30 secondi

Multe salate per i  camionisti pizzicati in città con merci pericolose su strade vietate e con cronotachigrafi modificati. Ne dà notizia la polizia municipale che lo scorso 12 novembre ha istituito il nucleo autotrasporto (Nat) «attraverso il quale - precisa una nota -  intende dare corso a controlli approfonditi sul trasporto di merci e persone, al fine di aumentare la sicurezza stradale e garantire la corretta concorrenza tra autotrasportatori». Nei primi 10 giorni di attivazione sono già numerosi i controlli su strada che hanno portato all’accertamento di irregolarità più o meno gravi a carico di veicoli e conducenti sottoposti a verifica.

In particolare, sulle principali arterie stradali comprese nel territorio comunale di Trento, sono stati controllati 21 veicoli (7 italiani e 14 esteri) e notificate 31 violazioni ai conducenti e alle ditte proprietarie dei veicoli o titolari delle licenze di autotrasporto, per importi complessivi superiori a 10 mila euro.

Ecco le irregolarità che  emergono per particolarità e gravità. Il 22 novembre è stata accertata, su un trattore stradale di nazionalità bulgara, la manomissione del sistema AdBlue con alterazione della centralina di controllo delle sostanze inquinanti. AdBlue è il nome utilizzato a livello internazionale per definire un additivo sviluppato per i settori chimico e automobilistico. Si tratta di una soluzione acquosa di urea al 32,5%, di elevata purezza, utilizzata  per ridurre fino al 90% le emissioni dei gas di scarico prodotti dai veicoli dotati di motore diesel.Per ingannare il sistema elettronico di controllo installato sui veicoli, sono stati inventati degli impianti, chiamati emulatori, con centraline parallele che sovrascrivono il sistema Adblue istantaneamente, fermando l’utilizzo del liquido AdBlue e disattivando i sensori, senza alcuna perdita di potenza del motore o avvisi sul cruscotto e nel sistema diagnostico di bordo.

L’impianto è stato trovato dagli agenti all’interno del vano portafusibili occultato all’interno della matassa di fili elettrici e, come accertato presso l’officina tecnica, dove il mezzo è stato accompagnato per la verifica, risultava attivo e funzionante. Al conducente sono state contestate le violazioni previste dall’articolo 71 e 78 del Codice della Strada, che sanzionano rispettivamente con euro 85 la mancanza di caratteristiche costruttive dei veicoli a motore e con euro 422 ed il ritiro della carta di circolazione il mancato aggiornamento di tale documento dopo aver apportato modifiche al veicolo.
Sempre lo scorso 22 novembre, nell’ambito dei controlli effettuati nella galleria di Martignano, è stato accertato il transito di un veicolo sloveno, che trasportava merce pericolosa,  nonostante il divieto assoluto per tali mezzi di percorrere il tratto di strada in galleria. La  sanzione è stata di 168 euro.

Lo scorso 13 novembre su un veicolo italiano è stata accertata l’alterazione del cronotachigrafo mediante l’uso di calamita sul bulbo di rilevazione, al fine di modificare la registrazione dell’attività di guida. La calamita è stata sequestrata e il conducente sanzionato con il pagamento di 1.696 euro in misura ridotta, la decurtazione di 10 punti dalla patente e sospensione del documento di guida da 15 giorni a tre mesi.

Sempre il 13 novembre, su un veicolo italiano, è stata accertata l’assenza dei sigilli di protezione del cronotachigrafo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy