Salta al contenuto principale

Dignità ai poveri: la Chiesa

trentina aiuta 3400 persone

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

Sono 3.421 le persone in situazione di bisogno incontrate dalla Chiesa trentina attraverso Caritas diocesana e Fondazione Comunità Solidale nel corso del 2017.

Il 37% sono italiani (1.263), 14% europei provenienti per lo più dai Paesi balcanici e dell’Europa orientale. Importante la presenza di cittadini africani (36%). In particolare la cittadinanza marocchina è la più rappresentata (oltre 1 straniero su 5). Tra gli asiatici (11%), la maggior parte sono pachistani.

I dati sono contenuti nel decimo «Rapporto sulle povertà» (dal titolo «Volti di comunità»), illustrato oggi a Trento al Polo culturale Vigilianum, a due giorni dalla Giornata mondiale dei poveri sul tema «Gridare, rispondere, liberare».

I numeri evidenziano un trend in aumento rispetto al numero di persone incontrate nel 2016 (+4,3%) anche collegato all’incremento e alla diversificazione dei servizi, dati dalla costituzione di due nuove aree migranti e lavoro e dall’apertura di alcuni nuovi Centri di ascolto sul territorio.

Alla presentazione sono intervenuti l’arcivescovo Lauro Tisi, don Cristiano Bettega, delegato dell’Area testimonianza e impegno sociale della Diocesi e Paolo Molinari, sociologo e ricercatore dell’Ires, l’Istituto ricerche economiche e sociali con sede nel Friuli Venezia Giulia.

Il Rapporto di quest’anno sottolinea, in particolare, tre tematiche prioritarie in relazione a bisogni e fragilità vissute dalle persone, spesso in grave emarginazione. La prima, legata agli interventi economici e all’accompagnamento alla gestione del denaro, non è nuova, ma è un bisogno che appare sempre più variegato e trasversale e chiama in causa singoli, famiglie, giovani e meno giovani.

La seconda, relativa ai richiedenti protezione internazionale è di estrema attualità e coinvolge persone e famiglie accolte attraverso programmi di accoglienza per richiedenti asilo e corridoi umanitari. Infine, il Rapporto parla di percorsi di riacquisizione di residenza per persone senza dimora, «per le quali tornare a godere di un diritto che dovrebbe essere garantito a tutti può ricostruire esistenze e ridare dignità».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy