Salta al contenuto principale

Maltempo: intesa banche-Pat

moratoria sui mutui

e prestiti agevolati

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 38 secondi

Una moratoria sulle tasse dei mutui e finanziamenti agevolati per far fronte alla ricostruzione.

Su questi due pilastri poggerà l’intesa che la Provincia, le banche e i confidi sottoscriveranno a breve per venire incontro ai provati cittadini e alle imprese che hanno subito danni durante l’ultima ondata di maltempo.
L’obiettivo è quello di garantire una regia unica e coordinata a tutte le iniziative in parte già messe in campo.
 
L’intesa di massima è stata trovata oggi con la riunione del del Tavolo del Credito, alla quale ha partecipato anche il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti.

Due, come detto, le misure fondamentali, che il Protocollo d’intesa dovrà contenere e sistematizzare: una moratoria sulle rate dei mutui che cittadini e aziende stanno versando, nelle zone colpite dal maltempo, e la messa a disposizione a tutti i soggetti che hanno patito dei danni di opportuni finanziamenti, a condizioni agevolate, possibilmente a tasso fisso. Il tutto con il supporto di Cassa del Trentino - all’incontro era presente il suo direttore Lorenzo Bertoli, assieme al direttore generale della Provincia Paolo Nicoletti - e degli enti di garanzia, Confidimprese e Cooperfidi. Allo studio infine anche la proposta, avanzata da alcuni istituti di credito, di consentire ai clienti di effettuare una donazione mentre effettuano le normali operazioni bancarie, come i prelievi agli sportelli bancomat.



«L’obiettivo - ha sottolineato il presidente Fugatti - è condividere e coordinare le varie iniziative che già le banche stanno avviando in questi giorni, per affrontare l’emergenza ma anche per sostenere gli sforzi della ripresa. Ciò consentirà di strutturare una base di interventi comune, a partire dalla quale le banche, se vorranno, potranno poi adottare eventuali altre misure specifiche. Nell’incontro di stamani è emersa la piena condivisione di tutte le principali banche interessate, il che ci consentirà di firmare il Protocollo a breve. Verranno adottate procedure snelle e quanto più possibile semplificate anche per agevolare le donazioni dei cittadini, che confluiranno nel conto generale aperto oggi dalla Provincia, anche a seguito dell’incontro di venerdì scorso con le categorie economiche e sociali».


La gravità dei danni patiti dal Trentino è jstata per ora quantificata in circa 250-300 milioni di euro, di cui 70-80 sui soli privati.

Queste in sintesi le misure che il Protocollo dovrà prevedere:

  • concedere, con iter semplificato e celere, una sospensione/moratoria delle rate dei mutui ipotecari e chirografari per le imprese, nonché per i privati intestatari di mutui ipotecari (intera rata o sola quota capitale a scelta del mutuatario), indicativamente per 12 mesi, e senza oneri aggiuntivi per il mutuatario;
  • stanziare linee di finanziamenti chirografari/ipotecari, preferibilmente a tasso fisso a favore delle imprese e dei privati danneggiati dagli eventi atmosferici, nonché – in prospettiva – linee di finanziamento agevolate per il ripristino della superficie boschiva. Le linee di finanziamento dovrebbero essere erogate a condizioni particolarmente agevolate, con iter istruttorio prioritario e semplificato. Per le imprese tale intervento potrà essere assistito dalla garanzia dei confidi;
  • fornire, sulla falsariga del contenuto del Protocollo firmato lo scorso 2 ottobre per l’accesso al credito delle piccole/micro imprese, supporto e consulenza gratuita nella preparazione della documentazione necessaria per attivare le pratiche di richiesta di moratoria delle rate dei mutui, di accensione di finanziamenti agevolati o di risarcimento assicurativo.


Mercoledì prossimo il tavolo si riunirà nuovamente per esaminare il testo del Protocollo che la direzione generale della Provincia, con il supporto di Cassa del Trentino, provvederà a stendere nelle prossime ore.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?