Salta al contenuto principale

Litiga con i vicini: addio

al fucile da caccia

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 27 secondi

Litiga (anzi secondo la prospettazione accusatoria perseguita) i vicini di casa e deve dire addio alla licenza di porto fucile ad uso caccia con relativo divieto di detenere armi (che custodiva a 40 chilometri da casa). Il provvedimento della questura è stato ritenuto legittimo dal Tar che ha respinto due  ricorsi: il primo contro l’ ammonimento nei confronti di una famiglia (marito, moglie e figlio) accusata di aver perseguitato con dispetti grandi e piccoli i vicini di casa; il secondo contro la revoca del porto d’armi da caccia al capofamiglia.

A rivolgersi alla questura è stata una famiglia romena residente a Trento che lamentava di aver dovuto modificare le proprie abitudini di vita dopo essere finita nel mirino di vicini di casa molesti. Le condotte persecutorie denunciate erano molteplici: getto di cibo sui loro figli di 8 e 9 anni, getto di acqua anche arricchita con candeggina, parcheggio delle vetture così da impedire l’accesso al garage, persino un tentativo di investimento con l’auto.

I vicini ammoniti respingevano le accuse ridimensionando la vicenda ad un contesto di litigiosità bagatellare tra vicini di casa. Quanto al presunto investimento i ricorrenti al Tar negavano, depositando in giudizio un video che dimostrerebbe l’inesistenza del fatto (ma il video non è stato accettato dai giudici amministrativi perché mancava l’originale).

Il Tar ha respinto i ricorso rilevando che la Questura ha correttamente inquadrato i comportamenti indicati «nella fattispecie delle molestie integranti atti persecutori».

Immune da censure secondo Il Tar è anche la revoca della licenza di porto fucile ad uso caccia disposta quando era partito il provvedimento amministrativo di ammonimento per la lite con i vicini. Questo nonostante i legali del cacciatore avessero depositato una consulenza psicologica che certificava come il titolare della licenza  non fosse socialmente pericoloso.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy