Salta al contenuto principale

Trovate ossa in Nunziatura

si riapre il caso Orlandi

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 50 secondi

Uno scheletro «quasi integro», che da un primo esame del bacino sarebbe quello di una donna. E altri frammenti di ossa che farebbero pensare ad un’altra persona. I primi accertamenti sui resti umani scoperti durante i lavori di ristrutturazione di una dependance della Nunziatura apostolica di Roma, non risolvono il giallo e non danno la risposta che tutti attendono dal momento del ritrovamento, vale a dire se siano o meno quelli di Emanuela Orlandi e di Mirella Gregori, le due quindicenni scomparse nel nulla a distanza di un mese e mezzo l’una d’altra 35 anni fa. Ma rivelano elementi importanti per alimentare quella che al momento è e resta una suggestione.

In attesa dell’esito degli esami scientifici disposti dalla Procura di Roma bisogna dunque rimanere ai pochi elementi certi a disposizione. A partire dal ritrovamento. Nella sede della Nunziatura in via Po, una villa con un grande giardino composta da un edificio principale e diverse strutture annesse, sono in corso dei lavori di ristrutturazione: si tratta di interventi straordinari sugli edifici ma anche di opere di giardinaggio e di restauro di alcuni dipinti.

Lunedì 29 ottobre 4 operai che stanno lavorando in quella che era la guardiania, l’edificio del custode, portano alla luce le ossa nel rifare il ‘massettò, la base del pavimento. I quattro, che sono già stati sentiti dagli investigatori, trovano prima un mucchio di resti, compreso un cranio, che fanno pensare ad uno scheletro quasi integro. E successivamente altri frammenti, in un punto diverso. I lavori vengono bloccati e avvertiti i responsabili della Nunziatura.

L’altro dato certo, perchè lo dice la nota ufficiale diffusa dal Vaticano, è che nell’edificio in via Po la Gendarmeria Vaticana è «prontamente intervenuta» per i primissimi accertamenti, investigativi e medico legali, in modo da poter informare «i Superiori della Santa Sede».

Subito dopo, presumibilmente tra la serata di lunedì e le prime ore di martedì, sono state avvertite le autorità italiane. Gli uomini della Polizia Scientifica e della squadra mobile di Roma, su delega del procuratore Giuseppe Pignatone, hanno effettuato due sopralluoghi in via Po: uno la mattina e uno nella serata di martedì, numerando ogni frammento osseo e filmando l’intera area del ritrovamento.

Nella stanza, dicono fonti investigative, non sono al momento stati trovati reperti diversi dai frammenti ossei, vale a dire tessuti organici, resti di indumenti, gioielli o altro. Ma gli accertamenti proseguiranno e non si esclude che possano anche essere estesi, d’intesa col Vaticano, ad altri locali all’interno dell’edificio costruito nel 1920 e dal 1959 sede dell’ambasciata della Santa Sede in Italia.
Il terzo elemento certo è che ci vorrà almeno una settimana per completare gli esami antropometrici e per estrarre il Dna dalle ossa e compararlo con quello di Emanuela Orlandi e di Mirella Gregori. Sempre che questo sia possibile: nel caso in cui i frammenti fossero troppo deteriorati, o fossero rimasti per troppo tempo esposti a particolari fenomeni come repentini cambi di temperatura o umidità, spiegano gli esperti, potrebbe essere impossibile estrarre il Dna dalla matrice ossea. E per le famiglie non ci saranno risposte, ancora una volta.

«Non voglio illudermi - dice la sorella di Mirella, Maria Antonietta - ma in cuor mio spero che quelle ossa siano le sue così si potrebbe mettere una parola fine». «Se sono le ossa di Emanuela - aggiunge Pietro Orlandi, che non ha mai smesso di cercare la verità - è come se fosse morta oggi».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy