Salta al contenuto principale

Spese abusive sulla carta

fa ricorso contro

la rurale di Pergine

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 41 secondi

Una consumatrice trentina si era rivolta al Crtcu (Centro di ricerca e tutela dei consumatori e degli utenti) dopo avere scoperto quattro diverse operazioni sulla propria carta di credito che non aveva effettuato lei, per un totale di 3.148 euro.

«L'intermediario controparte - spiega l'associazione consumatori - era la Cassa rurale di Pergine. Inizialmente la banca negava ogni responsabilità, ma da qualche anno, come spesso abbiamo comunicato, esiste una norma che, finalmente, e a ragione, riconosce la responsabilità della sicurezza degli strumenti di pagamento a carico dell'intermediario; solo in caso di colpa grave la responsabilità ricade sul consumatore (il classico esempio in cui il pin viene conservato insieme alla carta)».   

«Grazie al Crtcu, è stato fatto reclamo scritto alla banca - prosegue l'associazione - e a seguito di risposta negativa si è promosso ricorso presso l'arbitro bancario finanziario».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy