Salta al contenuto principale

Omicidio di Merano

Alexandra aggredita due volte

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 46 secondi

Una prima coltellata alla pancia. La coppia decide di andare in ospedale, ma poi la vittima chiama la madre, la situazione degenera e il marito l'aggredisce una seconda volta con numerose coltellate: è la dinamica ricostruita da Johannes Beutel nel carcere di Bolzano durante l'udienza di convalida per l'uccisione di sua moglie, la meranese Alexandra Rieffeser, 34 anni.

Il gip Peter Michaeler ha convalidato l'arresto.   

Beutel non si è avvalso della facoltà di non rispondere e ha fornito una dichiarazione al giudice. La coppia - si è appreso - si stava separando e aveva deciso di fare una pausa di riflessione.

Beutel era praticamente in partenza verso l'Austria, suo Paese d'origine, quando è nato il diverbio con le due aggressioni.

Mortale sarebbe stata una coltellata al collo.

L'uomo ha dichiarato di portare sempre con sè il coltello a farfalla. Secondo il difensore Markus Vorhauser, Beutel è «molto scosso e si sta rendendo conto di quello che ha fatto».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy