Salta al contenuto principale

Elezioni: a una ditta romagnola

l'appalto delle schede

Ma si stampa a Gardolo

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 57 secondi

Schede di votazione e manifesti elettorali delle elezioni provinciali del 21 ottobre saranno stampate a Gardolo. Lo si apprende dalla determina del direttore generale di Piazza Dante Paolo Nicoletti che autorizza la ditta alla quale è stato affidato il servizio a far scattare il subappalto.

Composizione grafica, stampa e allestimento di manifesti e schede avranno un costo complessivo di 31.672 euro. Per il momento - a causa della complessa fase che stanno affrontando partiti e movimenti in particolare dell’area del centrosinistra autonomista e civico-territoriale - non è dato sapere quanti simboli appariranno sulle schede che i cittadini elettori trentini saranno chiamati a infilare nelle urne. Il deposito dei contrassegni, ovvero dei simboli che rappresenteranno le liste dei candidati, dovrà avvenire fra il 7 e l’8 settembre presso la direzione generale della Provincia.

Di certo, della stampa si occuperà la società cooperativa Nuove arti grafiche, alla quale il servizio è stato affidato in subappalto dalla Maggioli spa di Santarcangelo di Romagna, in provincia di Rimini. Lo scorso marzo l’azienda romagnola si era infatti aggiudicata al termine di una trattativa privata (previo confronto concorrenziale) il servizio unico di predisposizione, stampa, confezionamento e consegna del materiale occorrente per le elezioni.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?