Salta al contenuto principale

Aborto, una campagna 

pro obiezione medici

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 43 secondi

Il Popolo della Famiglia di Trento annuncia una campagna «per sensibilizzare i medici ad aderire ancora più massicciamente all’opzione dell’obiezione di coscienza contro la pratica dell’interruzione volontaria di gravidanza».
In una nota, il Popolo della Famiglia ricorda come il presidente nazionale Mario Adinolfi sostenga la decisione del Senato argentino contraria alla liberalizzazione dell’aborto.
«Dalla patria di Papa Francesco - dice Adinolfi - arriva un segnale importante per i movimenti pro-life che vincono una decisiva battaglia. Il Popolo della Famiglia ritiene che l’Italia possa prendere esempio dall’Argentina e che la strada sia quella di intervenire culturalmente sui medici italiani, che già in sette casi su dieci sono obiettori di coscienza secondo la facoltà assicurata dalla legge 194 di potersi così sottrarre al massacro di vite umane innocenti e indifese, ancora più folle oggi, tempo nel quale la principale emergenza italiana è la denatalità».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy