Salta al contenuto principale

Furto di rame, tre arresti

Inseguimento nella notte

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 57 secondi

Tre giovani su un'auto con targa straniera, alle 5 di ieri mattina in via Maccani. I carabinieri, incrociata la vettura, hanno voluto verificare chi fosse a bordo. Da un controllo di routine è stato scoperto un furto di rame. Arrestati tre giovani, di origine romena e moldava. 
Non è stata un'azione facile per i carabinieri: alla vista della pattuglia del radiomobile il conducente dell'auto ha tentato la fuga facendo partire un inseguimento, con i militari che sono riusciti a bloccare la vettura sospetta in via del Commercio. I tre a bordo, di 20, 27 e 33 anni, non hanno potuto nascondere il maltolto: nell'auto erano stipati ben 150 metri di cavi di rame. Inoltre, sulla stessa vettura, i carabinieri hanno trovato arnesi da scasso e tutto il necessario per il taglio.

«Immediati accertamenti hanno così permesso di appurare la provenienza furtiva dei cavi di rame, asportati lungo la tratta ferroviaria che lambisce Trento nord» spiegano i carabinieri. Si tratta della linea Trento-Malé, ed i cavi sottratti sono quelli della messa a terra. I tre stranieri sono stati accompagnati nella caserma di via Barbacovi ed arrestati con l'accusa di furto aggravato. Ieri mattina in tribunale si è tenuta la direttissima, con l'intervento di una interprete dato che due degli arrestati non parlano bene la lingua italiana. Il giudice Greta Mancini ha convalidato gli arresti disponendo i domiciliari solo per uno dei giovani, mentre i due complici - uno dei quali non ha mai avuto problemi con la giustizia - sono liberi. L'udienza è stata rinviata al prossimo 8 agosto per i termini a difesa.  

Il valore del maltolto è di circa 5 mila euro, ma dalla vendita del rame contenuto nei cavi i ladri avrebbero potuto ricavare molto meno. 
Il fenomeno della sottrazione dell'«oro rosso» nei pressi dei binari, che in certi casi può causare un blocco delle linee ferroviarie e il venir meno della sicurezza per gli addetti alla manutenzione, è sotto stretta osservazione da parte del Dipartimento della pubblica sicurezza. Risale infatti al 2012 (con rinnovi nel 2014 e nel 2016) il protocollo di intesa che ha previsto l'istituzione dell'Osservatorio nazionale sui furti di rame, con l'obiettivo individuare le migliori strategie di prevenzione e contrasto.
Il numero di questo genere di reato è in diminuzione in tutta Italia: nel 2014 si contarono oltre 18 mila furti, mentre nel 2017 furono 7.383 (-14,8% rispetto al 2016). Lo scorso anno sono invece aumentate del 2,7% le persone denunciate o arrestate (2.100 segnalazioni).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy