Salta al contenuto principale

Studi universitari: cosa fare

per avere i contributi Pat

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 35 secondi

Per incrementare le iscrizioni di ragazzi e ragazze trentini all’università e agli studi post diploma, incoraggiando il risparmio delle famiglie, la Provincia ha varato un programma di sostengo alle famiglie, con contributi e borse di studio.

Dal prossimo anno accademico, grazie ad una variazione dei requisiti economici recentemente adottata, ci saranno più studenti che avranno diritto di accedere alle borse di studio per la frequenza dell’università. A questa opportunità si aggiunge la misura per le famiglie trentine, pensata per incentivare la prosecuzione degli studi dopo il diploma superiore.

CONTRIBUTO PER GLI STUDI POST DIPLOMA

Le famiglie possono dare vita, durante la scuola secondaria di secondo grado, ad un piano di risparmio a favore dei propri figli e la Provincia concorre, al momento dell’iscrizione agli studi post-diploma, universitari e di alta formazione, con una somma in denaro tale da aumentare in maniera importante il capitale accumulato.

Accedere al contributo è facile, basta:

  • aprire un libretto di risparmio o un conto corrente o un PAC o polizze assicurative o fondi pensione;
  • versare annualmente, entro il 31 agosto, una somma di denaro per un periodo da 3 a 5 anni precedenti all’iscrizione a percorsi di studio post diploma;
  • accumulare una somma complessiva compresa tra 3.000 e 6.000 euro;
  • avere un indicatore ISEE famigliare compreso tra 23.001 e 32.000 euro (rispetto allo scorso anno l’intervallo ISEE per accedere al contributo è stato recentemente modificato dalla Giunta provinciale, spostando il valore minimo da 21.501 a 23.001 euro e quello massimo da 29.000 a 32.000 euro).


In pratica, se la famiglia risparmia una cifra tra i 3.000 e i 6.000 euro negli anni delle scuole superiori, quando lo studente si iscriverà a un corso post-diploma, sia in Trentino che fuori provincia o all’estero, potrà ricevere un aiuto pubblico provinciale fino al doppio di quanto risparmiato.

La domanda va presentata agli Uffici provinciali nell’anno di iscrizione ai percorsi post diploma, completa della documentazione che attesta l’avvenuto accumulo e dell’indicatore ISEE della famiglia. Ogni anno viene pubblicato un avviso con le modalità e le scadenze per inoltrare la richiesta.

I versamenti per costituire il risparmio devono essere effettuati entro il 31 agosto di ciascun anno scolastico.

Per saperne di più, clicca qui.

BORSE DI STUDIO

Dal prossimo anno accademico 2018/2019 aumenterà il numero degli studenti che avranno diritto alle borse di studio erogate dall’Opera Universitaria.

È stata innalzata a 23.000 euro di ISEE la soglia di condizione economica per accedere alle borse di studio. Pertanto, gli studenti immatricolati ed iscritti ad un percorso di studi presso l’Università degli studi di Trento o gli altri Istituti di grado universitario del territorio provinciale per l’anno accademico 2018/2019 avranno la possibilità di chiedere all’ Opera Universitaria di Trento la borsa per il diritto allo studio universitario se la loro famiglia è in possesso di un ISEE (Indicatore della Situazione economica Equivalente) compreso tra 0 e 23.000 euro ed un ISPE (Indicatore della Situazione Patrimoniale Equivalente) fino a 50.000 euro.

Il bando per il conferimento delle borse di studio, alloggio, esonero della tassa provinciale per il diritto allo studio e tasse universitarie per l’anno accademico 2018/2019 è in pubblicazione sul sito dell’Opera universitaria e si chiuderà il 31 agosto 2018.

Per saperne di più, clicca qui.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?