Salta al contenuto principale

Non va a lavoro perché malato

Minacce di morte e insulti razzisti

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 17 secondi

La Cgil del Trentino denuncia un presunto episodio di intimidazione e di razzismo ai danni di un lavoratore straniero che sarebbe stato minacciato di morte da uno dei titolari di un’azienda per cui lavora solo perchè aveva chiesto di assentarsi dal lavoro perchè malato.

L’uomo si è rivolto a Trento all’ufficio vertenze della Cgil raccontando di avere subito pesanti insulti e minacce a sfondo razziale e nello stesso tempo ha sporto denuncia alle forze dell’ordine. La Cgil del Trentino, che ha fornito al lavoratore assistenza legale, annuncia di avere intenzione di costituirsi parte civile nell’eventuale processo a carico del datore di lavoro.

«Il clima di odio e razzismo si diffonde, purtroppo, anche in Trentino - scrive la Cgil in una nota - Ne abbiamo avuto prova nei giorni scorsi quando un lavoratore straniero si è rivolto all’ufficio vertenze della Cgil per chiedere aiuto e tutela a fronte delle pesanti minacce subite da uno dei titolari dell’azienda per cui lavora. La sua “colpa” quella di stare male e, dunque, di chiedere di stare a casa. Il lavoratore in questione è stato vittima di una gravissima intimidazione, è stato appellato e minacciato da uno dei suoi titolari con le seguenti parole: “…brutta razza…vengo a casa tua..ti mangio…ti brucio vivo islamico di merda…stai attento ad uscire di casa…Allah di merda io ti do fuoco…Ti mando Casa Pound… per rapirti, ti bruciano vivo, ti mangiano…sei un Allah di merda che muoia tutta la tua razza…ti posso anche ammazzare adesso che è andato su Salvini….Stai attento ad uscire di casa con stasera prepariamo le ronde fuori da casa tua…”. Sono parole gravissime, che preoccupano anche il nostro sindacato e di fronte alle quali non si può far finta di nulla. Per questa ragione Cgil del Trentino ha deciso di rendere nota questa vicenda e di censurare pubblicamente e con forza l’accaduto. Il sindacato, come lo intendiamo noi, tutela tutti i lavoratori e le lavoratrici e non può arretrare di fronte al clima di odio razziale e all’avanzamento della barbarie. La denuncia ed un processo sono un atto dovuto per chi vive e lavora con la paura di uscire di casa ed essere vittima di aggressioni fisiche e xenofobe. Per questa ragione abbiamo fornito al lavoratore assistenza legale, con l’avvocato Giovanni Guarini, con il quale potrà ottenere la tutela prevista dalla legge, affinché né lui né qualsiasi altra persona sia più destinataria di simili comportamenti».

Il lavoratore ha già sporto denuncia davanti alle forze dell’ordine e la Cgil del Trentino ha intenzione di costituirsi parte civile nell’eventuale processo a carico del datore di lavoro.

Ecco la trascrizione delle minacce:

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy