Salta al contenuto principale

Incidenti sul lavoro, i numeri

571 menomati nel 2017

Nel 2018 già 3 morti

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 56 secondi

L’anno scorso in Trentino ci sono state 8.945 denunce di infortunio sul lavoro. Il dato è in crescita per il secondo anno consecutivo dopo anni di calo: nel 2017 l’incremento è dell’1,6%, nel 2016 era stato del 4%. Gli incidenti mortali sono stati 7 rispetto ai 12 dell’anno prima. In questo ambito, gli infortuni accertati dall’Inail sono 4.949, in calo sui 5.024 del 2016. L’esito mortale è stato accertato in 5 casi, mentre sono 571 i lavoratori menomati in diverso grado (erano 708 nel 2016). Non sono ancora disponibili i dati Inail dei primi mesi 2018 a livello provinciale, ma la rilevazione informale degli incidenti fatta dall’Anmil, l’Associazione Mutilati e Invalidi del Lavoro, conta da gennaio in Trentino 3 morti e 7 infortuni gravi. Ieri Fiom Cgil e Uilm Uil hanno proclamato 4 ore di sciopero per la sicurezza sul lavoro.

Mercoledì a Roma è stata presentata la Relazione annuale dell’Istituto per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. Nel 2017 a livello nazionale sono state accertate 617 morti sul lavoro a fronte delle 1.112 denunce arrivate. Con i 34 casi ancora in istruttoria si arriverebbe a 651 morti, in calo del 2,8% rispetto ai 670 del 2016, al minimo storico dal 1951. Nei primi cinque mesi di quest’anno, tuttavia, le denunce di infortunio mortale sono tornate a crescere del 3,7%. Le denunce complessive di infortunio nel 2017 sono state 641.000, in linea con il 2016, e ne sono state riconosciute sul lavoro 417.000.

In Trentino l’anno scorso più del 90% delle denunce sono riferite a infortuni in azienda e meno del 10% nel tragitto tra casa e lavoro, un trend stabile negli ultimi anni. Nell’industria e servizi le denunce sono 6.526, in aumento del 2,4%. Nella sola industria, edilizia compresa, l’incremento sale al 5%. In agricoltura gli infortuni denunciati sono 771, in aumento del 2,9%. Nel settore pubblico si contano 1.648 incidenti, in calo del 2,1%.

Tra gli infortuni accertati, invece, 4.437 sono in occasione di lavoro e 512 in itinere. Complessivamente 4.373 casi, l’88% del totale, non hanno provocato menomazioni nel lavoratore o lavoratrice coinvolta mentre 571 l’hanno provocata. Tra essi, 86 casi riguardano stranieri extracomunitari. Ci sono 344 infortuni in cui i lavoratori hanno subito un grado di menomazione inferiore al 5%. In 191 casi la menomazione va dal 6 al 15%, in 25 casi arriva fino al 25%, in 9 casi fino al 50%. Due casi vedono una menomazione superiore al 50%, come nel 2016. Tra i lavoratori menomati, 436 sono nell’industria e servizi, di cui 83 nell’edilizia, rispetto ai 530 dell’anno prima, 96 sono in agricoltura (111 nel 2016), 39 nel settore pubblico (44 nel 2016).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy