Salta al contenuto principale

Università: più borse di studio

e aiuti alle famiglie

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 10 secondi

Dal prossimo anno accademico 2018-2019 ci saranno più borse di studio per la frequenza all’università di Trento, perchè aumenta il numero degli studenti che possono averne diritto. La Giunta provinciale ha infatti condiviso con Università degli Studi di Trento e Opera universitaria l’innalzamento della soglia di condizione economica per accedere alle borse di studio al limite massimo previsto dai livelli essenziali delle prestazioni (Lep) 23.000 Isee.

Gli studenti immatricolati ed iscritti ad un percorso di studi presso l’’Università degli studi di Trento o gli altri Istituti di grado universitario del territorio provinciale per l’anno accademico 2018/2019 avranno la possibilità di chiedere ad Opera Universitaria di Trento la borsa per il diritto allo studio universitario se in possesso di un ISEE (Indicatore della Situazione economica Equivalente) compreso tra 0 e 23.000 euro ed un ISPE (Indicatore della Situazione Patrimoniale Equivalente) fino a 50.000 euro.

Rispetto allo scorso anno la soglia di accesso alle borse è stata spostata da 21.500 a 23.000 euro dando così la possibilità ad un maggior numero di studenti di poter accedere ai servizi del diritto allo studio universitario. Non è stata invece ritoccata la soglia dell’ISPE che rimane fissata a 50.000 euro.

La Provincia ha aggiornato di conseguenza il valore minimo dell’intervallo ISEE per l’accesso al «Contributo per piano di accumulo», intervento attivo dall’anno accademico 2017/2018 quale sostegno economico rivolto alle famiglie trentine per il finanziamento degli studi post diploma dei propri figli, spostando il valore da 21.501 a 23.001 euro. Inoltre, è stata innalzata anche la soglia massima dell’intervallo ISEE da 29.000 a 32.000 euro, in quanto la modifica dei valori ISEE sopra delineati comporta una riduzione dei potenziali beneficiari del «Contributo per piano di accumulo» e, a parità di spesa complessiva, è pertanto possibile aumentare il valore massimo dell’intervallo ISEE. In sintesi, lo studente può accedere al «Contributo per piano di accumulo» a condizione che abbia iniziato/effettuato l’accumulo di capitale entro il 31 agosto di ciascun anno scolastico e possieda un indicatore ISEE maggiore di 23.000 e fino a 32.000 euro. Il diritto all’erogazione delle tre rate del contributo viene mantenuto solo se lo studente raggiunge i livelli di merito determinati con i bandi annuali.

Pertanto, a partire dal prossimo anno accademico 2018/2019, agli studenti trentini richiedenti il «Contributo per piano di accumulo» saranno applicati i nuovi valori ISEE sopra indicati e il contributo sarà concesso con le seguenti modalità:

  • gli studenti in possesso di un indicatore ISEE maggiore di 23.000 e minore di 29.000 euro riceveranno un contributo proporzionato a quanto accumulato negli anni scolastici, alla condizione economica della famiglia e alla condizione abitativa dello studente (fuori sede/in sede);
  • gli studenti in possesso di un indicatore ISEE maggiore o uguale a 29.000 e minore o uguale a 32.000 sono collocati in un’unica fascia e riceveranno un contributo proporzionato a quanto accumulato negli anni scolastici e alla condizione abitativa dello studente (fuori sede/in sede).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?