Salta al contenuto principale

Polizia locale: 11 nuovi agenti

per il piano sicurezza urbana

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 6 secondi

Undici nuovi agenti della polizia locale saranno assunti a tempo indeterminato dal comune di Trento per il Progetto sicurezza urbana, previsto grazie allo stanziamento di fondi provinciali nel protocollo d’intesa in materia di finanza locale sottoscritto lo scorso 4 giugno fra Provincia e Consiglio delle Autonomie locali.

Sono state presentate ieri pomeriggio in Commissione Bilancio le necessarie modifiche al regolamento di organico per concretizzare le nuove assunzioni ad integrazione del personale della Polizia locale ed arrivare all’avvio delle selezioni. L’obiettivo della misura concordata fra l’ente provinciale e le autonomie locali era quello di attivare un nuovo canale di finanziamento per consolidare i progetti di sicurezza urbana finalizzati alla prevenzione e al presidio del territorio già avviati dai comuni e sostenuti dalla Provincia.

Le risorse aggiuntive previste per il progetto attualmente attivo del comune di Trento ammontano a 99.907 euro per il 2018 e 405.180 euro per il trasferimento annuo a regime a partire dal 2019, mentre l’importo complessivo del Fondo specifici servizi comunali 2018 supererà i 64 milioni di euro. Per i candidati agli undici posti di agente municipale saranno previste anche prove di efficienza fisica e non solamente lo svolgimento di test psico-attitudinali, «atteso - spiega la nota  - che per alcune figure professionali risulta opportuno se non necessario procedere al suddetto accertamento».

D’altra parte viene invece eliminato, fra i requisiti richiesti per l’accesso alla figura di coordinatore di squadra, il riferimento alla necessità di avere una pregressa esperienza professionale di almeno cinque anni nelle mansioni indicate dal bando, requisito prima inserito in ottemperanza alla riserva totale all’interno prevista dall’ordinamento professionale, riserva che, tuttavia, non è più legittima in seguito alle pronunce della Corte Costituzionale sul punto.

«Risulta anche opportuno - sottolinea la Commissione bilancio - per l’amministrazione uniformare i requisiti di concorso previsti per la figura di coordinatore di squadra e quelli relativi alla figura di assistente tecnico». Sempre in tema di ampliamento di organico ma in tutt’altro ambito, in Commissione è stata anche presentata la proposta di aumento di 36 posti nell’ambito del servizio istruzione, necessari per dare corso alle stabilizzazioni nell’ambito dei servizi delle scuole provinciali dell’infanzia e di asilo nido.

Una stabilizzazione che nella nota presentata in commissione viene ipotizzato riguardi tutto il personale extra-organico attualmente previsto per lo svolgimento del servizio provinciale: sarà la Provincia stessa a determinare però a seconda delle esigenze il numero effettivo delle stabilizzazioni. La proposta prevede anche l’integrazione in organico di altre due figure con competenze amministrative, sollecitando l’avvio delle procedure concorsuali.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?