Salta al contenuto principale

Miro torna a casa: «liberato»

Ecco la festa alle padrone

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 52 secondi

Il cane Miro torna a casa: questa mattina i padroni sono andati al canile per prenderlo e riportarlo a Roverè della Luna. Anche se in «libertà vigilata» il cane diventato famoso in tutta Italia, potrà quindi tornare a stare nella propria casa. 

 


 

Ha riabbracciato i padroni ed è tornato a casa Miro, il pastore maremmano finito in canile a Rovereto su decisione della magistratura perchè accusato da un vicino di abbaiare troppo. Un caso che ha commosso tutta l'Italia e ha mobilitato animalisti e amanti dei cani i quali, con una petizione, hanno raccolto per la sua liberazione oltre 240.000 firme.   

Oggi la proprietaria di Miro, Eva Munter, è andata a prenderlo al canile di Rovereto, dove era rinchiuso da circa due settimane dopo il sequestro disposto dal Tribunale di Trento. Miro, liberato dal recinto, le è andato incontro scodinzolando e facendole grandi feste. I volontari del canile si erano già affezionati a questo cagnone bianco che - a loro dire - rispetto a tanti altri ospiti a quattro zampe ha fatto raramente sentire la sua voce. Semmai qualche volta - dicono - si lamentava mugolando, comportamento dovuto però quasi sicuramente alla nostalgia di casa.   

Già da questo pomeriggio Miro è tornato a Roverè della Luna, al confine fra le province di Trento e Bolzano. Qui, secondo quanto deciso dai giudici sarà in libertà vigilata: nelle ore notturne dovrà infatti stare in casa e non nel giardino. Cosa che peraltro, secondo la coppia proprietaria del cane, già avveniva. La coppia che si è vista sequestrare Miro era già stata raggiunta da due decreti penali, uno a ottobre scorso e un altro a gennaio, rispettivamente con 154 e 70 euro di multa. Poi però per l'animale è arrivato il decreto di sequestro da parte del Tribunale di Trento, nonostante i tentativi dei carabinieri di calmare gli animi. La coppia si è difesa dicendo che il vicino è a 300 metri di distanza e che nessuno, oltre a lui, si era lamentato. Il sequestro e la reclusione di Miro non ha lasciato insensibile il popolo del web. In pochi giorni è partita la mobilitazione con una petizione su change.org. Infine la decisione del Tribunale del riesame di Trento, che ha accolto l'istanza dei proprietari, e la liberazione del cane. Torna a casa Miro.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy