Salta al contenuto principale

In malattia, ma lavorava al bar

Trentenne condannata a 16 mesi

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 49 secondi

È stata condannata in appello per truffa e falso idoelogico una trentenne sorpresa a lavorare dietro il bancone del bar all’interno del carcere, preso in gestione, mentre per il negozio dove la giovane lavorava come commessa figurava in malattia. I fatti contestati si collocano tra la fine del 2012 e l’inizio del 2013. In primo grado la lavoratrice era stata assolta, sentenza che però è stata riformata dalla Corte d’appello di Trento che ha condannato l’imputata ad 1 anno e 4 mesi di reclusione. La donna dovrà anche risarcire la parte civile, cioè la società che gestisce il negozio di abbigliamento dove all’epoca lavorava, per gli stipendi indebitamente ricevuti: il danno dovrà essere quantificato in separata sede, ad esso si somma la condanna alle spese legali per un totale, nei due gradi di giudizio, di 4mila euro. 

I giudici d’appello hanno dato una lettura degli atti processuali - le motivazioni della sentenza sono state depositate a fine gennaio - molto diversa rispetto al Tribunale. Secondo la Corte, la presenza dell’imputata dietro al bancone del bar non può dirsi saltuaria: «Il registro annota la presenza intramuraria di (omissis), quasi quotidiana, in orari insoliti e per durate considerevoli, anche di 8 ore, del tutto compatibili con ordinari turni di servizio al bar». Secondo i giudici una presenza così assidua in carcere non può trovare una spiegazione solo con i legame affettivo con un dipendente dell’amministrazione. 

Inoltre «non è certo possibile proporre una differenza qualitativa tra il lavoro di barista e quello di commessa, al punto da ritenere che il primo fosse compatibile con la certificazione sanitaria e il secondo no». Anzi, secondo la corte la malattia sarebbe stata enfatizzata dalla dipendente: la sentenza esclude «che lo stato di ansia riferito da (omissis) è stato da lei quantomeno artatamente enfatizzato allo scopo di ottenere dal medico personale una serie di certificati che attestassero falsamente un’incapacità lavorativa». 

La condanna ad 1 anno e 4 mesi di reclusione, si precisa in sentenza, tiene conto «della non trascurabile gravità delle condotte connotate da scaltra callidità e sicumera di impunità», ma anche dall’incensuratezza dell’imputata a cui sono stati concessi i benefici della non menzione e della sospensione condizionale della pena.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy