Salta al contenuto principale

Pensioni anticipate, 1.300 domande

Altri 3mila con l'Ape volontaria 

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 53 secondi

Già mille trentini hanno fatto richiesta per la pensione per i lavoratori precoci, ossia per coloro che hanno iniziato a lavorare prima dei 19 anni e che hanno maturato 41 anni di contributi. L’anno scorso sono arrivate all’Inps provinciale 717 nel 2017 e 286 nel primo mese e mezzo di quest’anno.

In totale 1.003 domande contro le 260 per l’Ape sociale, per chi è espulso dal mondo del lavoro e ha 63 anni almeno, con un rapporto tra le due opzioni che è opposto a quello registrato a livello nazionale. Dove invece le domande social sono molte di più di quelle precoci. «Una dimostrazione - afferma Marco Zanotelli, direttore regionale dell’Inps - del fatto che qui in Trentino in tanti hanno iniziato a lavorare presto e soprattutto in maniera da avere i contributi regolarmente pagati».

Invece le persone vicine alla pensione ma in difficoltà lavorativa sono meno e questo si nota appunto dalle domande sull’Ape social. Martedì poi è partita anche la possibilità di chiedere la cosiddetta Ape volontaria, ossia quella che prevede di andare in pensione con 43 mesi di anticipo e almeno 63 anni di età nel 2018 con una decurtazione dell’assegno previdenziale e contraendo di fatto un prestito bancario per compensare i mancati contributi. In Trentino, spiega Marco Zanotelli, «gli interessati dovrebbero essere alcune migliaia, almeno 3.000» mentre a livello italiano sono 300.000 gli aspiranti pensionati.

Sono partite martedì le prime domande di certificazione all’Inps per accedere all’Ape volontaria, il «prestito finanziario con garanzia pensionistica» che consentirà a chi avrà almeno 63 anni nel 2018 (o almeno 63 anni e 5 mesi nel 2019) di uscire in anticipo dal lavoro. L’Inps martedì ha diffuso la circolare che dà ufficialmente il via libera alle prime domande e ha presentato il simulatore sui costi del prestito che può orientare le scelte delle persone sulla convenienza dell’Ape, sugli importi da chiedere e sulla durata del prestito.

Ecco in sintesi chi può chiedere l’Ape volontaria e quali saranno i costi della misura sperimentale valida fino al 2019. Ad aver diritto sono i nati entro il 1955 per il 2018, entro 31 luglio 1956 per il 2019. Possono, difatti, chiedere l’Ape i lavoratori con almeno 63 anni e siano distanti non oltre 3 anni e sette mesi dalla pensione di vecchiaia purché abbiano maturato almeno 20 anni di contributi. Il requisito anagrafico minimo sale a 63 anni e cinque mesi nel 2019 dato che cresce di cinque mesi l’età per l’accesso alla pensione di vecchiaia (arrivando a 67 anni). La pensione certificata dall’Inps al netto della rata di ammortamento corrispondente all’Ape richiesta, deve essere pari o superiore a 1,4 volte il trattamento minimo (quindi nel 2018 a 710,388 euro al mese).

Non possono ottenere l’Ape coloro che hanno già maturato il diritto alla pensione. L’Inps certifica diritto ad ape e comunica importo minimo e massimo ottenibile: il minimo che si può ottenere è 150 euro mensili per sei mesi. L’importo massimo non può superare il 75% del trattamento pensionistico mensile nel caso l’erogazione dell’Ape richiesta sia superiore a tre anni; l’80% se la durata del prestito è tra i 24 e i 36 mesi, l’85% se la durata è tra 12 e 24 mesi e il 90% se è inferiore a 12 mesi. Il prestito viene erogato su 12 rate mensili, senza tredicesima.

Il prestito si restituisce in 20 anni con una decurtazione della pensione: le rate sono mensili ed è esclusa la tredicesima che quindi non ha la decurtazione. Si sceglie l’istituto finanziatore del prestito e l’assicurazione contro il rischio di premorienza e si fa domanda di Ape contestualmente alla richiesta per la pensione di vecchiaia.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy