Salta al contenuto principale

Armi e munizioni in casa,

due fratelli denunciati

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 30 secondi

Due fratelli di 53 e 54 anni, entrambi operai residenti a Canal San Bovo, sono stati denunciati dai carabinieri per possesso di materiale esplosivo, armi e munizioni. L'indagine nasce in seguito all'arresto di un uomo di 51 anni di Mezzano, nel Primiero, avvenuto lo scorso 31 dicembre nell'ambito dell'operazione «Ultimo botto», nel corso della quale i carabinieri avevano sequestrato materiale esplosivo, detonatori, micce detonanti e munizioni di vario calibro.

I carabinieri successivamente hanno svolto altre indagini raccogliendo informazioni nei locali della zona per individuare altri depositi di armi. Grazie alle indagini, i militari lunedì scorso hanno svolto 15 perquisizioni tra Primiero e Valle di Fassa, anche con il supporto dei cani antiesplosivo, e sono giunti a individuare i due fratelli. Nelle rispettive abitazioni, in un garage e in un ripostiglio, i due denunciati detenevano armi e munizioni, anche in cattivo stato di conservazione

I carabinieri hanno trovato materiale da guerra antiquato, un moschetto 92 calibro 6.5, un fucile Budapest M95, 117 cartucce di vario calibro, 100 grammi di polvere da sparo, 8 detonatori in rame e 10 metri di miccia a lenta combustione. Una parte delle armi, risalenti alla Seconda guerra mondiale, saranno sottoposte a perizia per valutarne lo stato di conservazione e pericolosità. L'indagine è in mano al pm Alessandra Liverani.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy