Salta al contenuto principale

Finanziamenti alle imprese

per andare sui mercati esteri

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 17 secondi

Arrivano nuovi finanziamenti agevolati alle imprese che affrontano la sfida dei mercati esteri. Sono stati recentemente rifinanziati e rimodulati i finanziamenti agevolati di Simest Spa a copertura del 100% dei costi di internazionalizzazione, a tasso fisso fortemente agevolato, si parla del 0,085%.

Gli interventi ammissibili e le modalità per accedere ai finanziamenti sono stati illustrati ieri nell'incontro «Finanziamenti agevolati per l'internazionalizzazione», presso la sede di Confindustria Trento da Vincenzo Pagano, account manager area nord-est di Simest Spa. «Rispetto al passato i finanziamenti sono stati stravolti e migliorati per quanto riguarda anche la facilità di ingresso», ha sottolineato Pagano.

Le spese ammissibili in questione possono riguardare: gli studi di fattibilità necessari per aiutare le aziende a fare la scelta migliore; la partecipazione a fiere e mostre utili a promuovere il business all'estero; i programmi di inserimento nei mercati extra Ue; i programmi di assistenza tecnica per la formazione in loco del personale e i finanziamenti per la patrimonializzazione delle Pmi esportatrici.

Il finanziamento per gli studi di fattibilità è un finanziamento a tasso agevolato delle spese di personale, viaggi e soggiorni collegati a investimenti produttivi o commerciali in Paesi extra Ue. Può coprire fino al 100% dell'importo delle spese preventivate, fino al 12,5% del fatturato medio dell'ultimo triennio. L'importo massimo finanziabile è di 150.000 euro per studi collegati a investimenti commerciali e 300.000 euro per studi collegati a investimenti produttivi (durata di 4 anni e mezzo). Il secondo riguarda la partecipazione a fiere e mostre per promuovere il proprio business su nuovi mercati internazionali. Dedicato a tutte le Pmi, questo finanziamento è a tasso agevolato delle spese per area espositiva, spese logistiche, spese promozionali e spese per consulenze connesse alla partecipazione a fiere in Paesi extra Ue.

Il finanziamento può coprire fino al 100% delle spese preventivate, fino a un massimo del 10% dei ricavi dell'ultimo esercizio. L'importo massimo finanziabile ammonta a 100.000 euro per 3 anni e mezzo. Il terzo tipo riguarda i programmi di inserimento sui mercati extra Ue. Finanziano a tasso agevolato delle spese la realizzazione di un ufficio, show room, negozio o corner in un Paese extra Ue e relative attività promozionali. L'importo massimo finanziabile può raggiungere il 100% del totale preventivato e non può superare il 25% del fatturato medio dell'ultimo triennio, fino a 2,5 milioni di euro (durata 6 anni). Quarto tipo di finanziamento riguarda i programmi di assistenza tecnica: il finanziamento è a tasso agevolato delle spese per personale, viaggi, soggiorni e consulenze, sostenute per la realizzazione di un programma di formazione del personale operativo all'estero. Il finanziamento può coprire fino al 100% dell'importo delle spese preventivate, fino al 12,5% dei ricavi medi dell'ultimo triennio. L'importo massimo finanziabile è di 300.000 euro (durata 4 anni e 6 mesi). Ultimo punto riguarda la patrimonializzazione delle Pmi esportatrici attraverso il Fondo 394/81 e l'intervento del Fondo per la crescita sostenibile, che consente di ridurre le garanzie richieste per l'utilizzo del finanziamento.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?