Salta al contenuto principale

Piero Fassino e il Pd

Il libro domani a Trento

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 9 secondi

Ha ancora un senso la sinistra oggi? Ha un senso la costruzione di un partito che viene dalla sinistra e si propone come collettore di speranze e del centrosinistra moderato?

Piero Fassino, dirigente del Partito democratico, ex ministro, ex segretario del partito e già sindaco di Torino, affronta i temi del futuro del Partito democratico italiano in un libro uscito da poco per i tipi de La nave di Teseo (272 pagine, 19 euro). Il libro Pd davvero sarà oggetto di discussione, domani, a Trento con il direttore dell'Adige, Pierangelo Giovanetti .

Fassino non deve essere superstizioso, perché il libro sarà presentato domani (venerdì 17) alle ore 17 alla sala della Sosat in via Malpaga . Al numero civico 17, ovviamente. Ma Fassino è essere razionale e lo dimostra una volta di più in questo libro in cui ricostruisce alcuni passaggi della sinistra e del centrosinistra. Egli affronta lo sviluppo della sinistra, partendo dal 1989, dalla Caduta del muro di Berlino e quindi dalla conseguente fine del Partito comunista e dalla successiva nascita del Pds.

Lungo le pagine propone anche ricette politiche di fronte allo sfarinamento della sinistra europea. E per l'ex sindaco torinese - che oggi a distanza di poco tempo dalla sua sconfitta è rimpianto per la buona amministrazione - solo il Pd può essere argine alla deriva populista e alla ricostituita destra berlusconiana e salviniana.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy