Salta al contenuto principale

Dal 1° novembre gli incentivi

per acquisto di auto elettriche

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 1 secondo

Scattano il prossimo 1° novembre 2017 gli incentivi per autoveicoli elettrici o ibridi plug-in, previsti nell’ambito del «Piano per la mobilità elettrica» approvato il mese scorso dalla giunta provinciale.

In ballo, per questo scorcio di 2017, ci sono 300.000. L’incentivo varia da 4.000 a 6.000 euro, a seconda che si tratti rispettivamente di autoveicoli ibridi plug-in o elettrici. I cittadini e gli enti privati, tra i quali le onlus, che non svolgano attività d’impresa e residenti in Trentino, possono rivolgersi direttamente ai concessionari di autoveicoli che abbiano sottoscritto la convenzione con la Provincia.

Allo stato attuale in provincia di Trento sono oltre 1000 i veicoli elettrici e ibridi (la quasi totalità degli autoveicoli è ibrida). L’obiettivo è quello di raggiungere oltre 10.000 veicoli fra elettrici e ibridi plug-in nel 2025.

Nel complesso, per dare attuazione al Piano sono stati stanziati oltre 20 milioni di euro per

  • agevolazioni su autoveicoli elettrici ed ibridi plug-in per i cittadini
  • installazione di colonnine per la ricarica per privati e aziende
  • agevolazioni per le aziende su progetti che incentivano i percorsi casa-lavoro con e-bike
  • installazione di colonnine per la ricarica pubblica e agevolazioni per l’acquisto di energia elettrica

La prima azione, oggi approvata dalla Giunta provinciale, prevede agevolazioni su autoveicoli elettrici ed ibridi plug-in:

  • 6.000 euro per autoveicoli elettrici
  • 4.000 euro per autoveicoli ibridi plug-in (autoveicolo elettrico/benzina dotato di presa per la ricarica elettrica)

Di questi, 2.000 euro sono una riduzione del prezzo, rispetto al listino di vendita ufficiale su strada, praticato dai rivenditori di autoveicoli aderenti alla convenzione.

Come fare?

Le persone fisiche ed enti privati, con o senza personalità giuridica, tra i quali gli organismi non lucrativi di utilità sociale (onlus), residenti in Trentino e che non svolgano attività d’impresa, possono rivolgersi direttamente al concessionario di autoveicoli che abbia sottoscritto la convenzione con la Provincia.

Se, invece, l’acquisto dell’autoveicolo è avvenuto dopo il 16 giugno 2017 e prima del 1 novembre 2017, i soggetti beneficiari possono presentare domanda direttamente alla Provincia autonoma di Trento – Agenzia provinciale incentivazione attività economiche (APIAE).

«Si tratta di un primo tassello concreto - sottolinea l’assessore alle infrastrutture e ambiente Mauro Gilmozzi - di attuazione del Piano per la mobilità elettrica attraverso il quale vogliamo promuovere il cambiamento delle modalità abituali di spostamento dei cittadini attraverso incentivi e l’applicazione di soluzioni sostenibili, nel rispetto dell’ambiente, della salute, del clima e della sicurezza, volte a migliorare la qualità di vita presente e futura».

Piano per la mobilità elettrica - Incentivi per autoveicoli

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?