Salta al contenuto principale

Presi i «turisti del bracconaggio»

con migliaia di volatili in valigia

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

Troppi controlli sui bracconieri. E allora gli amanti delle doppiette emigrano per dare la caccia a specie protette di pennuti. Viaggio low cost da Orio al Serio e via, tutti a caccia.

Rientrati da Bacau (Romania) otto cacciatori sono stati bloccati allo scalo da Guardia di finanza e carabinieri forestali.

Nelle loro valigie e nelle loro borse tecniche avevano tremila uccellini, molti inclusi tra le specie cacciabili. 1.119 rientravano invece tra gli esemplari protetti: cardellini, fanelli, pispole, zigoli gialli, voltolini, cesene.

Per tutti i cacciatori, veneti e lombardi, è scattata la denuncia in Procura.


Tra gli inquirenti che hanno permesso di scoprire le spedizioni in Romania c'è un trentino, noto alle cronache. Parliamo di Nicola Pierotti, luogotenente dei carabinieri forestali, proveniente dal Corpo forestale dello Stato, quel Corpo che negli anni 2007-2011 permise alla Procura di Trento di indagare sui fumi di acciaieria e sul traffico di rifiuti tossici che aveva come capolinea il Trentino, in particolare la Valsugana.



Fu grazie a Pierotti, all'epoca ispettore dei Forestali dello Stato, che la pm Alessandra Liverani riuscì, assieme alla vicequestore Maria Principe a capo del nucleo investigativo del Nipaf di Vicenza, ad alzare il coperchio di una "pentola di veleni".

E Pierotti, in volto e voce, si può vedere nel servizio di Striscia La Notizia, dove l'inviato a Bergamo - Edoardo Stoppa - ha rischiato l'aggressione: i cacciatori se la sono infatti presa con la troupe televisiva.

CLICCA QUI per la versione integrale del video (dal minuto 18.54)

Guarda il video:


Bracconieri Operazione dei carabinieri Parla l'ispettore Pierotti

 

 

 

Salva

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy