Salta al contenuto principale

Auto elettrica, dalla Provincia

5 mila euro di incentivo

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 25 secondi

Passare dai poco più di mille attuali a undicimila veicoli elettrici. Installare altre 2.400 colonnine di ricarica, andando dalle 100 di oggi a poco più di 2.500.

Il tutto da oggi, o meglio da settembre quando il Ppme (Piano provinciale per la Mobilità Elettrica) dovrebbe entrare in vigore, fino al 2025. Per riuscire a centrare questi obiettivi la Provincia mette sul piatto da qui al 2025 oltre 20 milioni di euro: il tutto in nome di un Trentino a zero emissioni, verde ed ecologico, attento a ridurre le emissioni di gas serra e gli inquinanti dei trasporti, oltre a favorire un impiego più razionale dell'energia usando fonti rinnovabili. Una questione di educazione e cultura, quindi, ma «siccome i mezzi elettrici costano di più, mettiamo sul patto una serie di incentivi economici, di contributi per cambiare il modo in cui i trentini si muovono: ora siamo al 60% di auto e 40% di mezzi pubblici, bicicletta e a piedi. L'obiettivo è invertire quelle percentuali».

Parola dell'assessore alle infrastrutture e all'ambiente Mauro Gilmozzi, da sempre impegnato per un Trentino green. «Accanto a politiche ormai assodate per le auto elettriche, come l'esenzione dal pagamento del bollo per cinque anni e poi la riduzione del 75% per i successivi, intendiamo proporre un contributo provinciale sull'acquisto di 5.000 euro: stiamo sviluppando una sorta di patto con i concessionari per arrivare a quella cifra, con circa 3.000 euro a carico dell'amministrazione e 2.000 a carico loro. Il contributo sarà proporzionale: auto totalmente elettrica 5.000 euro e poi a scendere per le ibride. Oltre ai veicoli ci saranno aiuti finanziari anche per e-bike e scooter, che si aggireranno intorno ai 500 euro».

Quella di Gilmozzi è una proposta: verrà esaminata dal Consorzio dei Comuni, passerà attraverso le Commissioni e verrà approvato verosimilmente nei primi giorni di settembre. Ma l'intento è chiaro e la strada tracciata. Ecco nel dettaglio i punti del Ppme.

Obiettivi e finalità.

Come accennato si vuole un Trentino ancora più green, con riduzione delle emissioni di gas serra e un miglioramento delle condizioni ambientali. Anche l'inquinamento acustico, con 11 mezzi elettrici in circolazione, sarà più contenuto. Un territorio più pulito farà migliorare la salute dei cittadini e l'economia locale.

Le infrastrutture di ricarica.

Fondamentale sarà dotare tutto il territorio delle cosiddette colonnine. L'obiettivo è arrivare a 2.500, piazzandone una in ogni Comune della provincia (ovviamente di più nelle città più grandi), uno in ogni albergo e in ogni azienda con più di 50 dipendenti. Il valore medio del contributo sarà di mille euro ognuna, per un totale di circa 2 milioni fino al 2025. Grazie agli incentivi provinciali aumenterà anche il numero delle cosiddette «wallbox», ovvero ricariche elettriche domestiche con un costo dell'energia agevolato.

Veicoli, e-bike e scooter.

Da 1.000 a 11.000 in meno di nove anni: non sarà facile, ma grazie all'aiuto economico di Provincia (oltre 7 milioni solo per questa voce) e concessionari i cittadini saranno più invogliati. Per quanto riguarda biciclette e motorini l'obiettivo può essere arrivare a circa 4.000 mezzi, con un'investimento poco superiore al milione e un contributo medio di circa 500 euro.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy