Salta al contenuto principale

Ecco i numeri del crimine in Trentino

Il questore: nel 2016 reati in calo del 20%

Furti: da 9.719 a 8.026 episodi denunciati

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 0 secondi

Risultano tutti in calo i reati registrati in Trentino nel corso dell’anno che si sta per concludere. Questo, almeno, è quanto raccontano i numeri snocciolati questa mattina dal questore, Massimo D’Ambrosio.
Vediamoli.

I reati in genere risultano in calo del 20,69%: dai 19.058 episodi del 2015 si è passati ai 15.114 episodi nel 2016.

Sfuggono a questa contabilità, per ovvie ragioni, i casi che i cittadini non hanno ritenuto di denunciare alle forze dell’ordine.

Nello specifico, i furti passano da 9.719 nel 2015 a 8.026 nel 2016, con una diminuzione del 17%. A Trento città, siamo passati da 3.718 episodi a 3.370.

Numeri, ha chiosato il questore, frutto dell’opera di prevenzione e delle forze messe in campo da polizia e da altre forze ordine.

In controtendenza i reati di stalking e violenza domestica (155 nel 2016), in aumento del 50% rispetto al 2015. D’Ambrosio ha però sottolineato come l’aumento sia dovuto al maggior numero di denunce, segno della fiducia nelle forze dell’ordine.

«Non mi illudo di poter azzerare i problemi  - ha commentato D’Ambrosio - ma di poter mettere in campo tutti gli strumenti possibili per far calare i fenomeni criminosi e poter assicurare ai cittadini la giusta sicurezza».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy