Salta al contenuto principale

Boom di nuovi avvocati

«Ma adesso viene il difficile»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 3 secondi

Gli esami sono terminati venerdì sera, i numeri sono solamente ufficiosi e cambieranno certamente (anche se la sostanza resterà la stessa) già questa mattina, con il bilancio definitivo. Però c'è un dato, già incontestabile: nel Foro di Trento arriverà una nuova, grande, per certi versi storica, infornata di avvocati. La percentuale sarà almeno del +10% in un solo anno.

Procediamo con ordine: lo scorso dicembre si sono svolti gli esami di stato scritti. A Trento hanno partecipato circa 150 candidati. Di questi una percentuale vicina al 70% è stato promosso, quindi più di ottanta persone hanno affrontato in questi giorni l'esame orale. E i risultati delle prime settimane di interrogazioni stanno dando delle conferme, ovvero che quei giovani sono bravi e preparati e le bocciature si contano sulle dita di una mano. La sessione è terminata ieri sera e quindi i numeri non possono essere ancora definitivi, ma possiamo già dire che a Trento ci saranno più di 70 nuovi avvocati, anche se non tutti necessariamente nati in Trentino. Un numero altissimo, che permetterà all'Ordine di superare la soglia degli 800 iscritti e quindi di incrementare almeno del 10% il totale.

Poi va sottolineato che non tutti quelli che hanno superato anche l'orale si iscriveranno all'Albo, perché alcuni hanno già deciso di intraprendere altre strade. Ma nella sostanza cambia poco. Svelati i coscientemente e incolpevolmente imprecisi numeri, sono molte le chiavi di lettura. Prima di tutto va detto che il gruppo «candidati 2015/2016» è di qualità e di alto livello: i loro esami scritti sono stati corretti dal Foro di Potenza (mentre quello di Trento ha valutato i temi di un'altra città d'Italia), mentre l'orale viene «fatto in casa», ovvero presso la città dove è stato svolto il periodo di pratica più lungo. 

Quindi giovani bravi e preparati, ma con un futuro incerto. Perché, dopo i meritati festeggiamenti, la fine esaltante di un lungo percorso di formazione, il comprensibile orgoglio di parenti e amici, tra qualche giorno per tutti i promossi , o almeno per molti, si porrà l'inevitabile domanda: e adesso? Noi la giriamo al presidente dell'Ordine degli Avvocati Andrea de Bertolini. «Adesso, sottolineo il purtroppo, non ci sono grandi prospettive. C'è una situazione socio economica non certo vivace e tutti questi neo avvocati potrebbero non ricevere risposte positive. Chi è più fortunato potrà entrare negli Studi di famiglia o rimanere dove ha svolto la pratica, altri dovranno lottare di più. Qui da noi, comunque, il rapporto tra avvocati e abitanti non è così ingombrante come in altre città».

Altra considerazione: l'avvocato, che resta evidentemente una professione attrattiva, richiede parecchi anni di formazione, tra università e praticantato. Se la percentuale di promossi è così alta, di chi è il merito? «Credo che in provincia si sia innescato un circuito virtuoso: l'Università è di ottimo livello, la qualità degli studi legali è medio alta e l'Ordine, con la scuola forense, fa la propria parte. Un'altra considerazione è che il rischio dell'intraprendere questa strada è molto alto, così come l'impegno necessario per arrivare alla fine. Da noi, comunque, c'è un'avvocatura seria e giovane, di ottimo livello. E mi preme smentire una possibile lettura impropria dei dati che avete svelato: il fatto che ci siano più avvocati non va di pari passo con il fatto che ci siano più cause. Anzi».

Per ovviare al momento di crisi, qual è la strada che intraprendono i neo avvocati? «In concreto si è visto negli ultimi anni che tanti giovani professionisti tendono a mettersi insieme, a fare gruppo, ad associarsi per contenere i costi e per garantire, grazie al fare rete, un servizio efficiente». In attesa dei dati definitivi, ai 70 e più neo avvocati vanno i complimenti e l'augurio di buoni festeggiamenti. Perché anche in tribunale del doman non c'è certezza.

Il fondo del direttore Pierangelo Giovanetti

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy