Salta al contenuto principale

Dai trentini 2,3 milioni

di offerete per le missioni

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 27 secondi

In un anno, i fedeli trentini hanno raccolto oltre 2 milioni e 300mila euro di offerte a sostegno del lavoro di missionarie e missionari nel mondo. I dati sono quelli pubblicati dall’ultimo numero del settimanale diocesano Vita Trentina, sulla base dell’annuale resoconto del Centro missionario diocesano che ha considerato le somme raccolte tra il 1° ottobre 2015 ed il 30 settembre scorso.

Tra le singole parrocchie, è Predazzo quella in cui la generosità della comunità si è espressa in maniera più consistente: ben 81.865 euro quelli raccolti negli ultimi dodici mesi e quasi interamente grazie ad attività dei fedeli locali che hanno pesato per quasi 74mila euro a fronte dei 3.200 raccolti grazie ad iniziative diocesane e ai 4.707 euro arrivati tra giornata missionaria ed altre iniziative promosse dalla Cei o a livello pontificio.

Sul podio a seguire la località fiemmese, ecco un’accoppiata sempre dal Trentino orientale: l’Unità pastorale del Vanoi (che raccoglie le parrocchie di Canal San Bovo, Caoria, Prade, Ronco Cainari e Zortea) con quasi 40mila euro di raccolta (39.986) e la parrocchia di Fiera di Primiero (38.441 euro).

«Abbiamo quattro tra missionarie e missionari nella nostra comunità - spiega don Giorgio Broilo, parroco di Predazzo - e questo senza dubbio contribuisce a mantenere elevata la sensibilità di tutti in merito al sostegno all’attività missionaria».
La generosità del Primiero e del Vanoi - spiega don Giuseppe Da Prà - è radicata da anni ed è sempre stata alimentata non solo dalla volontà di sostenere i missionari originari della zona ma anche quelli che, pur non essendo primierotti, sono stati parroci o comunque hanno vissuto nei nostri paesi».

Un radicamento ed un legame, quello con i missionari nei centri minori, il cui peso, nella generosità delle offerte, è confermato dal peso relativamente minimo (rispetto al numero di residenti: o forse semplicemente nei paesi ci sono in proporzione molti più fedeli, tra i residenti) che in classifica hanno i grandi centri. Nessuna traccia di Trento, Rovereto, Pergine, Riva, Tione, Cles, Cavalese nella «top ten» delle offerte missionarie. Il capoluogo - con la parrocchia di San Giuseppe - spunta solo all’undicesima posizione (a quota 14.568 euro), seguita da quella di Santa Maria Assunta a Riva del Garda (12° posto con 14.066 euro).

Meglio di loro fanno - nell’ordine dalla quarta alla decima piazza - Campitello di Fassa (26.082 euro), Caldonazzo (18.026), Aldeno (16.766), Brez (16.665), Zambana (16.138), l’Unità pastorale di Giovo (Ceola, Palù, Verla Ville: 15.240) e Coredo (14.924 euro).
Prima di trovare Pergine (19° posto con 10.042 euro raccolti) arriviamo a Mori (12.237), Vermiglio (11.650), Tonadico (10.515), Taio (10.486), Martignano (10.481) e Fondo (10.426). La prima parrocchia roveretana per generosità missionaria è San Giuseppe (3.492 euro), anche se la città della quercia può contare sull’associazione lagarina «Amici della busta» capace di una raccolta di 60.100 euro. A Cavalese sono stati raccolti 4.303 euro, a Cles 3.399 euro, a Tione poco più di 2.000 euro. Solidarietà missionaria anche tra pazienti e loro familiari in ospedale: al S. Chiara sono stati raccolti 2.500 euro. Lasciti e donazioni hanno pesato infine per 135.856 euro.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy