Salta al contenuto principale

Stava, 268 vittime innocenti

da ricordare - Lo speciale

Chiudi

La tragedia di Stava: si scava nel fango dopo il crollo dei bacini

Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 33 secondi

È impossibile immaginare l’apocalisse. Possiamo però contarne i secondi. Ne bastarono una manciata. Il tempo di bere un caffè, e l’intera valle di Stava fu inghiottita dal fango insieme a 268 tra uomini, donne e bambini (tanti bambini). Ma osserviamolo scorrere il cronometro della catastrofe, una lancetta impossibile da fermare e rapidissima nel progredire verso l’esito finale, l’apocalisse. Erano le 12, 22 minuti e 55 secondi del 19 luglio 1985. L’ora è esatta, registrata con precisione cronometrica dal sismogramma di Cavalese, scolpita da un ago tremante su un foglio di carta.

Lo speciale dell'Adige: clicca qui per guardalo

Stava 1985-2015: il reportage Rai con le immagini del disastro

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy