Salta al contenuto principale

Sanifonds, domani

scadono i termini

Chiudi

Morta a Bolzano, indagate 17 persone

Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 15 secondi

Venerdì 15 aprile sarà l'ultima data utile - per chi vuole - per non aderire al fondo sanitario integrativo Sanifonds. Dopo quella data il dibattuto fondo partirà. Ad oggi, su 39.106 dipendenti pubblici provinciali, circa 4.800 hanno disdetto: la gran parte fanno parte del mondo sanitario, ovvero sono dipendenti dell'Apss. La polemiche per la formula di adesione, il cosiddetto silenzio-assenso, sono durate mesi, con una parte dei sindacati (quelli contrari come Nursing Up in primis) che hanno stimolato i propri iscritti a non aderire a Sanifonds. Per esplicitare il proprio dissenso - sostengono i promotori della campagna di boicottaggio - basta una telefonata allo 0461.420681 o una email entro venerdì. Tutti gli altri, quindi poco più di 34 mila persone, saranno iscritti fino al 31 dicembre 2017.

Sanifonds è finanziato interamente con risorse della Provincia, quindi con denaro pubblico, stanziate in bilancio quale quota extracontrattuale: in altri termini, queste risorse non vengono decurtate da altri istituti o finalità sociali.
La contribuzione annuale a Sanifonds, pari a 128 euro per dipendente, è interamente a carico dei datori di lavoro: la Provincia Autonoma di Trento ha già accantonato le risorse finanziarie necessarie alla copertura integrale dell'annualità 2015 e delle annualità 2016, 2017 e 2018. Per l'anno 2015, dei 128 euro versati procapite a titolo di iscrizione, il 90% è destinato al rimborso delle prestazioni sanitarie sostenute dal dipendente. Il rimanente 10%, invece, è destinato, alle spese di funzionamento, quantificabili in circa 400.000 euro annui. Le prestazioni sanitarie rimborsate da Sanifonds, suddivise in specialistica ambulatoriale, odontoiatria e altre spese mediche, sono compatibili con le detrazioni fiscali del 730.

Tre, in sostanza, le macroaree per le quali il fondo è attivo. La prima sono le visite odontoiatriche, igiene orale, otturazioni: il rimborso massimo è fissato nel 50% della spesa sostenuta, per un massimo annuo compreso tra i 45 e i 100 euro. Ci sono poi le visite specialistiche ambulatoriali: anche in questo caso il rimborso massimo annuale è del 50%, e si va dai 65 ai 100 euro annui. Infine ci sono le visite psicologiche, psicoterapeutiche, dietistiche: rimborso massimo annuale della metà della spesa, massimo nei dodici masi tra i 100 e i 150 euro. 

Dato che il massimale previsto per i rimborsi è il 50% di quanto pagato per la singola prestazione, il recupero fiscale del 19% andrà calcolato sulla base di quanto speso effettivamente dal dipendente. Per ogni lavoratore è stato calcolato un massimale medio di 350 euro per il 2015. I rimborsi partiranno dal gennaio dello scorso anno. Sono previsti massimali più alti per malattie gravi e riabilitazioni (5.000 euro annui) e per persone non autosufficienti (7.000 euro).

Nursing Up lamenta mancata trasparenza, procedure farraginose e lacunose, modalità di rimborso che non premiano le situazioni di reale necessità, ma elargiscono rimborsi su miriadi di interventi di poche decine di euro che costituiscono benefici inconsistenti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy