Salta al contenuto principale

Rapine e furti in Romania

Fermato a Trento

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 56 secondi

A «casa sua», in Romania, l’aveva davvero combinata grossa, tanto da ricevere una condanna a ben sette anni di reclusione. Per evitare il carcere aveva dunque deciso di lasciare il Paese d’origine e di gironzolare per l’Europa. La sua «vacanza» è finita a Trento: è stato fermato dagli agenti della volante ed è finito prima in questura per accertamenti, poi direttamente in carcere.

Un ventenne romeno mercoledì pomeriggio è finito nella «rete» della polizia, nell’ambito di un’intensificazione dei controlli disposta dal questore Massimo D’Ambrosio. Il romeno è stato fermato in città ed i suoi documenti subito controllati.

Gli agenti che stavano procedendo con le verifiche hanno subito notato il nervosismo del giovane e si sono insospettiti: dal risultato dei controlli attraverso la banca dati interforze è emerso che sul giovane romeno c’era un mandato di cattura internazionale.

Il ventenne infatti accusato di furti e rapine, reati commessi in Romania negli ultimi anni. È stato accompagnato in una camera di sicurezza della questura, quindi portato nella casa circondariale di Spini in attesa dell’estradizione. Il giovane dovrà dunque scontare i sette anni di condanna in un carcere romeno.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy